Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Afa opprimente e indice di calore fino a 45°C

La perturbazione iberica, oltre ad inviare masse d’aria calda sulla nostra isola, mette in moto una notevole quantità di umidità verso i nostri tratti costieri dove la sensazione di disagio è notevole per via delle impressionanti temperature percepite o “indice di calore” e dell’assenza di ventilazione al suolo. Riportiamo i casi maggiormente emblematici:

Capo Carbonara 32°C effettivi + 72% umidità relativa = 45°C percepiti

Quirra 31°C effettivi + 82% umidità relativa = 45°C percepiti

Arbatax 32°C effettivi + 70% umidità relativa = 45°C percepiti

Porto Torres 30°C effettivi + 86°C umidità relativa = 45°C percepiti

Pula 30°C effettivi + 81% umidità relativa = 43°C percepiti

Cagliari 30°C effettivi + 79% umidità relativa = 43°C percepiti

Orosei 30°C effettivi + 75% umidità relativa = 42°C percepiti

Capoterra Torre degli Ulivi 29°C effettivi + 81% umidità relativa = 41°C percepiti

Torre dei Corsari 29°C effettivi + 85% umidità relativa = 41°C percepiti

get_webcam

Marina di Villasimius in diretta, dove si registrano le temperature percepite più alte dell’isola

Previous Sulla soglia dei 40°C
Next Temporali attorno alla Sardegna, perchè?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Barca a vela affonda a largo della Costa Verde

Durante il pomeriggio del 1 ottobre, in occasione del transito della “tempesta tropicale” sulla Sardegna, la Guardia Costiera di Oristano ha portato a termine una delicatissima operazione di soccorso, che

Analisi Meteosat

Debole perturbazione arriva rapida da ovest

Negli ultimi giorni abbiamo avuto prova della minore vigoria anticiclonica. Minore se paragonata, ad esempio, al dominio novembrino ma egualmente persistente e in grado di assicurare condizioni di prevalente bel

News

Quale sarà la causa scatenante dei temporali pomeridiani?

Ieri, più o meno a quest’ora, scegliemmo di dedicare ampio spazio all’analisi dell’immagine satellitare perché in grado di spiegarci gli importanti cambiamenti barici in atto sull’Europa sudorientale. L’occasione fu propizia