Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

L’irruzione artica è ormai prossima alla Sardegna

Ieri, osservando l’immagine satellitare, evidenziammo la presenza del freddo artico a ridosso del Regno Unito. Presenza certificata dalla tipica nuvolosità a “ciottoli” che si forma allorquando aria fredda marittima transita sulla superficie oceanica. La scansione odierna, delle prime ore di stamane, suggerisce una progressione verso sudest tant’è che quella stessa nuvolosità è sul golfo di Biscaglia. Da qui scivolerà lungo la valle del Rodano e penetrerà, fin da stasera, sui nostri mari.

In serata avvertiremo un generoso calo termico e i primi rovesci da instabilità potrebbero far visita ai settori di ponente. La quota neve scenderà di botto, sotto impetuosi venti di Maestrale. Si posizionerà attorno ai 500-600 metri e sarà interessante domani, perché ci aspettiamo un peggioramento con nevicate diffuse a quote collinari. Insomma, l’inverno farà sul serio.

Fonte immagine Sat24, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Fonte immagine Sat24, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Previous Arrivano freddo e neve: Sardegna nella morsa dell'Artico da stasera
Next Peggiora dal pomeriggio: arriva le attese nevicate. Anche in settimana

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Cagliari sfiorata dai forti temporali

In queste ore il capoluogo sardo sta vedendo sfilare i temporali più intensi ad est ed ovest dei propri confini. In questi istanti la grossa cella temporalesca del basso Sulcis

Analisi Meteosat

Imminente l’arrivo dell’aria fresca dal nord Europa!

Le condizioni meteo sono mutate in men che non si dica. Ieri abbiamo dedicato l’intera giornata agli aggiornamenti in presa diretta, vista la particolare situazione che si andava a creare.

Analisi Meteosat

Ecco il Vortice di Bassa Pressione che causa le piogge

Formatosi a ridosso della Sardegna, ha proseguito il suo percorso in direzione nordest e ora lo troviamo collocato sui mari del sud Italia. Qui verrà alimentato da ulteriori apporti d’aria