Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Prossima settimana: freddo o gelo? Vediamo cosa dicono i modelli

Diciamolo sottovoce: l’inverno sta per arrivare. Ora, non stiamo lì a preoccuparci della durata, dopotutto siamo pur sempre nel Mediterraneo e ipotizzare eventi epocali è difficile. Ma diciamo che, finalmente, dovrebbe arrivare il freddo vero. Addirittura potrebbe affluire aria gelida. Quando? Beh, osservando i più autorevoli modelli di previsione il tutto accadrà tra una settimana ma inizierà a prendere corpo tra 4-5 giorni. E 4-5 giorni è da considerarsi arco temporale accettabile e discretamente affidabile. Non ci piace, professionalmente parlando, discutere di singole emissioni modellistiche ma se lo facciamo è perché tutti i principali centri di calcolo mondiali sembrano aver trovato la quadratura del cerchio: verrà l’inverno. Ora, a meno che non stiano prendendo tutti una grossa cantonata – il che a questo punto è difficile – possiamo osservare le seguenti mappe con altri occhi.

Partiamo dal modello canadese GEM: la mappa che vedrete indica le isoterme (linee che congiungono punti di egual temperatura) alla quota isobarica 850 hPa (circa 1500 metri):

z850_216

E’ evidente l’ingresso dell’aria fredda e la propagazione su tutto il bacino del Mediterraneo. Sembra quasi di rivedere una dinamica “2012 style”, pur con tutte le cautele del caso. In Sardegna arriverebbe una -4°C diffusa, mentre sul nord Sardegna si affaccerebbe addirittura la -6°C. Stiamo parlando di termiche in grado di far nevicare in collina.

Ma passiamo al modello americano GFS. Tra i tre analizzati è quello un po’ più restio in termini di durata ed entità del freddo. Ciononostante avremo egualmente freddo e potrebbero esserci occasioni propizie per nevicate a quote collinari.

z850_168

In Sardegna arriverebbero isoterme (sempre a 1500 metri circa) di -2/-4°C. Il grosso del freddo traslerebbe verso est e successivamente avverrebbe una rimonta anticiclonica che metterebbe a tacere le velleità invernali (probabilmente solo temporaneamente).

Concludiamo la serie col modello europeo ECMWF. In termini di freddo – si potrebbe parlare addirittura di gelo – è il più incisivo. Tra l’altro si creerebbe una dinamica che vedrebbe l’aria assai fredda orientarsi dai quadranti orientali facilitando nevicate collinari soprattutto sulle aree della Sardegna esposte a est.

t850_216

In questo caso vediamo addirittura tutta la Sardegna compresa all’interno dell’isoterma -8°C. Significa che qualora vi fosse delle precipitazioni, potrebbero assumere carattere nevoso non soltanto a quote collina ma addirittura fin sulle pianure.

Ora, il discorso affrontato non vuole illudere nessuno o promettere chissà che avvenimenti. Prendiamo atto delle dinamiche invernali in fase di costruzione consci che tra circa una settimana potremmo avere ben altro tipo di tempo.

Previous Il gelo piomberà verso sud: crudo inverno alle porte
Next Perturbazione e tempesta di vento, ma ancora non fa freddo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Focus modelli

Vento, ci risiamo: stasera sarà burrasca

Maestrale e Ponente, non più Tramontana. Questo perché la circolazione è cambiata, ora sta giungendo aria meno freddo atlantica che precede un forte consolidamento anticiclonico. Il vento registrerà un’accelerazione nella

Focus modelli

Focus vento: ora Tramontana, stasera Maestrale

Le due irruzioni fredde sono state caratterizzate da un’intensa ventilazione settentrionale. Prima il Maestrale, furioso, poi Tramontana e Grecale con intensità altrettanto rilevante. La prima mappa che vi mostriamo fotografa

Focus modelli

Pomeriggio tra “caldo torrido” e “afa”: vediamo dove

Chi ha seguito la nostra analisi sui venti pomeridiani, reperibile a questo LINK, saprà già che alcune zone della Sardegna dovranno sopportare il caldo torrido altre invece l’afa. Abbiamo spiegato