Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

E’ un pomeriggio di primavera: raggiunti 22°C!

Oggi, inevitabilmente, l’attenzione è tutta rivolta alle condizioni climatiche che stanno coinvolgendo la Sardegna. Sapevamo che le temperature avrebbero continuato ad aumentare, così come sapevamo – basandoci sulle proiezioni del nostro modello matematico ad alta risoluzione – che le massime avrebbero superato 20°C.

In effetti le varie segnalazioni provenienti da varie parti dell’isola ci danno ragione: la stagione più calda è quella di Capo Bellavista, con ben 22°C! A seguire tutta una serie di località che superano quota 21°C: Capo San Lorenzo, Barisardo, Olbia, Porto Torres, Orosei. Stiamo parlando di temperature tipicamente primaverili, riscontrabili facilmente nei mesi di marzo e aprile. Insomma, il trend degli ultimi mesi sembra non voglia cambiare.

Una splendida panoramica su Costa Corallina, con alle spalle i torrioni calcarei dell'isola di Tavolara. Fonte ornero.it/

Una splendida panoramica su Costa Corallina, con alle spalle i torrioni calcarei dell’isola di Tavolara. Fonte ornero.it/

Previous Week-end mite, qualche pioggia ad ovest. Più freddo da martedì, neve sui monti
Next Freddo: temperature in calo tra martedì e mercoledì prossimi

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Cronaca

Si scatena l’instabilità: temporali e neve avanzano verso l’interno

Il nucleo freddo, artico, piombato in Sardegna nel corso della notte sta producendo effetti evidenti. Nel sassarese, specie settori di nordovest tra coste e immediato entroterra, si sono scatenati temporali

Cronaca

Possibile mesociclone a nord di Cagliari

Il grosso temporale convettivo che si è sviluppato a nord di Cagliari, tra Sinnai e Maracalagonis, sembrerebbe avere rotazione ciclonica. Questo quel che ci riferisce il nostro inviato in loco

Cronaca

Sardegna, resistono i poli di gelo nell’interno

Nonostante l’alta pressione sul Mediterraneo stia per assumere caratteristiche sub tropicali, con conseguente invio di masse d’aria molto miti ed umide che limiteranno diffusamente il raffreddamento notturno (per dettagli, vedi