Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Caldo anomalo: primi 7 giorni di gennaio paurosi

Dopo aver attraversato due mesi estremamente siccitosi, ma non così caldi come si può pensare (a riguardo scrivemmo varie analisi sottolineando come le basse temperature minime fossero servite a riequilibrare valori massimi decisamente alti), ecco che gennaio sta partendo col piedi sbagliato. Si si eccettua la giornata dell’Epifania, che è servita a darci almeno 24 ore di normalità termica, la prima settimana di gennaio si è chiusa con anomalie positive preoccupanti. Si osservi la mappa:

Le anomalie termiche della prima settimana di gennaio. Fonte dati NCEP.

Le anomalie termiche della prima settimana di gennaio. Fonte dati NCEP.

Stavolta la nostra Isola è risultata la regione più mite d’Italia. Le deviazioni maggiori (rispetto alla media trentennale di riferimento 1981-2010) sono state registrate sulla fascia orientale e sul cagliaritano: circa 3-4°C in più della norma. Nel rimanenti zone parliamo di scostamenti di circa 2-3°C. Fidatevi che è tantissimo, ragion per cui parlare di clima primaverile o autunnale non è utopistico. Diciamo che oltre ai valori massimi, sicuramente elevati, stavolta hanno giocato un ruolo essenziale anche le minime: il freddo da inversione non si è proprio visto!

Previous Meteo variabile, un po' uggioso ma molto mite. Attese punte di 20°C
Next Gennaio o Aprile? Oggi temperature massime troppo alte!

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Ottobre è quasi finito: volete sapere se è stato caldo o fresco?

Dopo il caldo anomalo d’inizio settimana la domanda sorge spontanea: ottobre è stato caldo o fresco? Beh, diciamo che osservando la mappa delle anomalie termiche continentali emergono interessanti elementi di

Clima

Secondo gli americani sarà un’estate CALDISSIMA

La proiezione stagionale è stata stilata da uno dei più importanti centri previsionali statunitensi, Accuweather. A detta dei meteorologi a stelle e strisce in Italia avremo un’estate più calda del

Clima

Onu: El Nino sarà devastante come nel 1997/98

Il ritorno del fenomeno meteorologico El Niño nel Pacifico tropicale, in cui le acque si riscaldano causando condizioni estreme, con siccità alternata a piogge torrenziali, inondazioni e più alti livelli