Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Ecco dove si trova il freddo in arrivo per la Befana

Come sappiamo, lo si scrive da giorni, siamo in attesa che dell’aria più fredda nord atlantica possa far calare temperature assolutamente inadeguate per il periodo. Anche gli ultimi giorni hanno visto i termometri sfiorare, in qualche caso addirittura superare, 20°C. La cattiva notizia è che mentre a dicembre almeno le minime erano invernali, da qualche giorno a questa parte anche le ore notturne ci propinano un clima non consono a gennaio. Alla luce di ciò non possiamo far altro che accogliere con estremo piacere un rientro nella media termica stagionale.

Osservando l’immagine satellitare del mattino siamo in grado di identificare, senza troppe difficoltà, il freddo. Vedete quella nuvolosità a “ciottoli” a ridosso delle coste atlantiche franco-iberiche? Or bene, trattasi dei tipici cumuli da irruzione, ovvero quelle nubi che si formano al transito di una massa d’aria fredda su superfici – in questo caso il mare – più miti. Al momento sul nostro territorio continuano a spirare correnti moderatamente sudoccidentali, ma da stasera giungeranno i primi sbuffi di Maestrale e le temperature inizieranno a diminuire a partire dal nord Sardegna.

Fonte immagine Eumetsat 2016, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Fonte immagine Eumetsat 2016, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Previous Le piogge si trasferiscono nel sud Sardegna. Anche su Cagliari
Next Cagliari, perché non nevica quasi mai? Le situazioni da neve il Golfo degli Angeli

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Maestrale, già superati i 60 km/h

Sta entrando in questi istanti l’aria fredda scandinava sul Mediterraneo dove, nel giro della prossima nottata, si approfondirà un minimo depressionario in sede adriatica. Per tale motivo va inasprendosi ora

Analisi Meteosat

Tempesta di fulmini ormai a 50 km dalla costa

Il settore più intenso della supercella temporalesca, quello dove sono localizzate le precipitazioni fino ad intensità tropicale (oltre 10mm/h) e dove si registrano frequentissime scariche elettriche, si muove verso est ed è

Analisi Meteosat

Superati i 38°C a San Vito

In questi istanti l’ingresso delle correnti occidentali sta determinando il raggiungimento dei valori di temperatura più elevati della fiammata calda pre frontale collegata al transito depressionario sul nord Italia. Come previsto la