Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Buon Natale! Tra nubi e sole, come il meteo?

Certamente non natalizio. Lo si è scritto ieri e lo ripetiamo: l’Alta Pressione mantiene condizioni di meteo stabile e un quadro climatico che almeno di giorno resta primaverile. Oggi scopriamo che le temperature sono meno alte rispetto a ieri. Le leggere diminuzioni che stiamo registrando sono dettate più che altro dalla copertura nuvolosa che dalla costa orientale e meridionale si estende localmente verso l’interno. La giornata, come da previsione, resta più soleggiata verso ovest.

Dicevamo delle temperature. Le rilevazioni ufficiali ci dicono che le località più calde sono quelle di Capo Caccia e Capo Bellavista con 16°C. Dai dati amatoriali, fonte Sardegna Clima, vediamo invece che Pula si attesta di qualche decimo sopra 18°C, seguita da Porto Torres poco sotto 18°C. Questo è quanto, in attesa che il tempo inizi a mostrarci importanti variazioni a cavallo tra fine anno e inizio gennaio. Restate sintonizzati, perché nel fine settimana avremo di che parlare…

meteosardegna

Previous Gelo da est, perturbazioni da ovest: Inverno a inizio Gennaio
Next Capodanno: temperature giù. Finalmente inverno

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Splendide cartoline d’inverno dal Gennargentu

Il risveglio ha messo in luce ampie schiarite e le schiarite ci consentono d’apprezzare panorami mozzafiato. Ovviamente stiamo parlando della tanta neve che riveste il massiccio del Gennargentu ed anche

News

Oggi primi cenni di cambiamento meteo

Iniziamo col dirvi che durante la notte appena trascorsa abbiamo registrato frequenti fulminazioni sulle coste circostanti l’Isola – soprattutto a sud e lungo la fascia orientale – e la comparsa

News

Maestrale sempre più forte, sul Bruncuspina si sfiorano i 90 km/h

Va progressivamente accentuandosi il gradiente barico tra i settori occidentali del Mediterraneo/penisola iberica, dove  rintracciabile la propaggine orientale dell’alta pressione delle Azzorre (qui la pressione al suolo raggiunge valori fino