Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Pianeta Terra in emergenza, 17 foto che fanno riflettere

Non è più un segreto ormai, è sotto gli occhi di tutti che il pianeta Terra è sempre più sovraffollato. Le risorse naturali, sebbene il problema venga preso sottogamba, vanno diminuendo progressivamente ad altissimi ritmi e per farvi riflettere abbiamo deciso di proporvi 17 interessanti, quanto drammatiche, fotografiche che testimoniano lo stato di cattiva salute della Terra.

Le seguenti immagini sono tratte da un libro prodotto dalla piattaforma Global Population Speak Out ed edito con lo scopo di rivelare la dura situazione che la Terra sta affrontando sul piano ecologico e sociale. Intitolato “Overdevelopment, Overpopulation, Overshoot”, il libro consiste in una raccolta di immagini forti che illustrano i problemi generati dalla sovrappopolazione e dal consumismo; ogni foto è accompagnata dalla citazione di scrittori noti, scienziati ed ecologisti importanti per aiutare a comprendere meglio a cosa stiamo andando incontro.

Il libro è consultabile online al LINK o acquistabile per riceverlo a casa al LINK. (foto da www.bioradar.net)

1-800x566

Un surfista cavalca un’onda di rifiuti a Java (Indonesia), l’isola più popolata del mondo.

2-800x523

La National Willamette Forest, in Oregon (USA) per il 99% è stata deforestata.

3-800x533

Il Fiume Giallo in Mongolia è così inquinato che nelle sue vicinanze l’aria è quasi totalmente irrespirabile

4-800x532

Il terreno del petrolio di Ken River in California lavora dal 1899.

5-800x533

L’esplosione del 2010 di una piattaforma petrolifera nel Golfo del Messico.

6-800x533

Un paesaggio pieno di spazzatura in Bangladesh

7-800x533

Le foreste indonesiane distrutte per far posto alle piantagioni di palma da olio

8-800x533

Parte della Foresta Amazzonica del Brasile è stata incendiata per “riqualificare” i terreni

9-800x533

La più grande scavatrice del mondo – la Bagger 288 – è usata per estrarre carbone nella miniera di Tagebau Hambach (Germania)

10-800x533

Una discarica di Accra (Ghana): una volta buttati, i nostri dispositivi elettronici generalmente finiscono nel terzo mondo

11-800x495

Il panorama a Città del Messico, con i suoi 20 milioni di abitanti

12-800x599

Nelle Midway Island (Pacifico del Nord) gli uccelli muoiono soffocati perchè ingeriscono troppa plastica che scambiano per cibo

13-800x534

Una distesa di serre per produrre in modo intensivo alimenti fuori stagione; siamo in Almeria (Spagna)

14-800x532

Una zona ricca di catrame ad Alberta (Canada), distrutta dall’attività mineraria e dai rifiuti tossici

15-800x533

Le Maldive stanno finendo allagate a causa del riscaldamento globale e dell’azione scellerata dell’uomo. Si prevede che verranno completamente sommerse entro i prossimi 50 anni

16-800x493

La miniera Mir, in Russia. Questo immenso buco è la più grande miniera di diamanti del mondo

17-800x532

Un enorme iceberg che si scioglie, vicino l’isola Svalbard (Norvegia)

Previous Temperature in brusco rialzo: ecco quanto saliranno
Next Dal caldo al freddo dell'Immacolata?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Primi rovesci in atto e forte temporale nell’Iglesiente

Il fronte freddo ha iniziato l’attraversata dell’isola ad iniziare dal Sassarese dove si registrano i primi rovesci sparsi, maggiormente organizzati nel circondario di Porto Torres. Appare invece piuttosto interessante l’evoluzione

Curiosità

Forti differenze di temperatura nei mari sardi

Riprende il nostro monitoraggio termico superficiale dei mari prospicienti la nostra isola in virtù delle forti e preoccupanti anomalie positive che si registrano da settimane e in vista della imminente

Analisi Meteosat

Nubi in aumento ovunque: ecco dove saranno possibili i rovesci

In queste ore, definite più calde del giorno, si sta registrando un diffuso aumento della nuvolosità, facilmente rilevabile dall’ultima scansione satellitare nel campo del visibile, indotto dai forti contrasti termici