Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Nel week end il maestrale spazzerà l’isola, possibili raffiche fino a 100 km/h

Il vento, lo sappiamo, è uno spostamento di massa d’aria attivato dalla differenza di pressione tra due masse d’aria adiacenti. Più precisamente il vento spira dalle aree di alta pressione verso quello di bassa pressione e maggiore è la differenza di pressione “gradiente barico orizzontale” più forti sono le raffiche. A partire da venerdì, quando l’arretramento verso ovest dell’alta pressione delle Azzorre darà il via libera all’ingresso dei primi sbuffi di aria artico marittima sul nord Italia/Europa centrale con conseguente ciclogenesi, la Sardegna verrà a trovarsi in un settore del Mediterraneo caratterizzato da forti gradienti di pressionecon progressivo rinforzo delle raffiche di ponente e maestrale. Inizialmente, come scritto nell’editoriale della mattinata, le raffiche saranno moderate e calde per effetto favonico. Il momento peggiore, stando alle attuali elaborazioni modellistiche che riportiamo a corredo dell’articolo, lo attendiamo tra la tarda nottata di venerdì e prime ore di domenica quando, pensate, la nostra isola si troverà tra pressioni di oltre 1020 hPa sul bacino occidentale del Mediterraneo ed il minimo depressionario stimato a 982 hPa tra Emilia e Toscana. Uno sbalzo di pressione notevolissimo in una ristretta area geografica che attiverà fortissimi venti di maestrale e ponente con raffiche diffusamente attorno a 70 km/h ma con picchi fino a 100 km/h sui crinali del massiccio del Gennargentu e settori orientali, specialmente tra Golfo di Orosei e Sarrabus.

Monitoreremo con costanza questa evoluzione e vi richiamiamo pertanto ai continui aggiornamenti.

wgust_84

wgust_105

Previous In diretta dal...mare!
Next Mareggiata week end: in arrivo onde di 5 metri!

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Lungo termine

Si prepara un forte raffreddamento in Europa

Va profilandosi per tutta l’Europa centrale, occidentale e mediterranea il più intenso ed esteso raffreddamento da inizio estate, capace di proiettare buona parte del vecchio continente, nel giro di una settimana, alla stagione autunnale. La

Previsioni

Quando arriverà l’agognato Inverno? Qualcosa si muove…

Lasciamo perdere mappe e quant’altro (anche se è vero che i modelli capaci di spingersi più in là nel tempo iniziano a fiutare qualcosina), focalizziamo invece l’obbiettivo sulle dinamiche atmosferiche.

Indici climatici

Nino sempre più intenso: ormai prossima la soglia “strong”!

Stiamo monitorando con costanza, viste le notevoli ripercussioni meteo a livello mondiale, l’evoluzione delle temperature superficiale nel settore Enso, ossia il Pacifico orientale a largo delle coste sud americane settentrionali.