Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Sardegna, quando le alluvioni colpiscono a dicembre…

La Sardegna, lo sappiamo e lo abbiamo documentato attraverso l’approfondita cronistoria di eventi alluvionali occorsi dal 1795 ad oggi, è un’isola che per la sua posizione geografica al centro del Mediterraneo, quindi esposta a masse d’aria dalle forti differenze termo igrometriche, e caratteristiche geomorfologiche risulta particolarmente esposta a questo tipo di eventi calamitosi. La cronistoria ci serve appunto per capire che non si tratta di eventi sconosciuti, ma di fenomeni che appaiono ricorrenti e scanditi da tempi di ritorno decennali ma che, negli ultimi anni, appaiono sempre più ravvicinati ed intensi. Il serbatoio energetico per lo sviluppo di queste autentiche meteorologiche viene dal mare e più precisamente dalle elevate temperature superficiali che si mettono a disposizione alla fine della stagione estiva. Non a caso i mesi statisticamente più “pericolosi” risultano ottobre e novembre, tuttavia può capitare che eccezionali eventi piovosi possano manifestarsi anche nella prima parte di dicembre che, specialmente sulla nostra isola, manifesta ancora caratteristiche autunnali. Tutti noi ricordiamo il tragico e localizzato evento alluvionale che colpì Villagrande Strisaili il pomeriggio del 6 dicembre 2004. Anche in quell’occasione, come per l’evento del cagliaritano 1999, la causa sinottica fu un’insidiosa area di bassa pressione sul Mediterraneo occidentale, completamente staccatasi dalla circolazione generale europea dove, di contro, regnava un’alta pressione di blocco. Quel pomeriggio il cielo su Villagrande si fece all’improvviso nero con riflessi verdi: un violento nubifragio di li a poco si abbattè sul piccolo paese ogliastrino scaricando in poche ore una quantità assurda di acqua e grandine. I dati parlano di 428 mm in circa 4 ore di pioggia ma è assolutamente plausibile (in base ai rilievi effettuati all’interno del bacino idrografico interessato dall’evento) che a monte caddero fino a 600 mm. Gli effetti al suolo furono devastanti: la montagna non riuscì ad assorbire l’enorme quantità di acqua pertanto venne messo in moto un diffuso ruscellamento superficiale con trasporto di materiale solido e frane che spazzarono il paese distruggendo qualsiasi cosa incontrata nel percorso. La particolarità di quel fenomeno fu indubbiamente l’incredibile circoscrizione, la frequenza dell’attività elettrica, la grandine copiosa presente nella precipitazione e, purtroppo, 2 vittime.

Riportiamo la drammatica testimonianza di Giuseppino Corda, farmacista del paese, reperita dai quotidiani dell’epoca: “Stavo rientrando a casa e pioveva a dirotto ha raccontato quando ho sentito un sibilo strano, come di un aereo in fase di decollo. Pochi attimi dopo ho visto l’’onda scura che avanzava, incanalata dalla strada. Mi sono rifugiato in una casa in costruzione raggiungendo di corsa il primo piano. Poco dopo l’’acqua ha invaso il pianterreno fino a un metro d’’altezza per poi ritirarsi lasciando sul pavimento una spessa coltre di fango e grandine”

19_2009_12_28_5590_giampilieri

alluvione_villagrande_novit_processo_il_pm_chiede_5_condanne_per_12_anni-0-0-406059

20041208 - VILLAGRANDE (NUORO) - CRO-  MALTEMPO: SARDEGNA; CONTINUA A PIOVERE A VILLAGRANDE - Un cittadino cerca di passare tra le macerie, evitando l'immensa voragine creata dall'acqua a Villagrande.  Elisabetta Loi /ANSA/DEF

image

image-4

Villagrande 08

Villagrande 11

Villagrande 15

villagrande

Previous Mare di nubi basse sulla Sardegna, schiarite solo sul Gennargentu
Next Dov'è finito il sole?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Instabilità in crescendo sul Mediterraneo

E’ assolutamente spettacolare la disposizione delle figure bariche che va a profilarsi in queste ore sul comparto europeo. La spinta meridiana del getto polare in uscita dagli Stati Uniti nord

News

Lunedì ciclone all’apice: sarà tempesta di vento

Stiamo per entrare all’interno di una crisi perturbata consistente. Probabilmente la più consistente dallo scorso autunno, quando l’ultimo ciclone che ci investì causò le ben note criticità idrogeologiche in molte

News

Prepariamoci a temporali molto violenti. Piogge sin su Cagliari

Abbiamo anticipato, nella flash d’apertura, la presenza di annuvolamenti fin da queste prime ore del mattino e li abbiamo giustificati con la rapida accentuazione dell’instabilità nelle prossime ore. Il nostro