Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Il Mediterraneo era una valle arida

E’ l’Antartide il vero responsabile dello straordinario prosciugamento che 5 milioni di anni fa ha trasformato il Mediterraneo in una profonda valle arida.
E’ quanto emerge da uno studio internazionale coordinato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv): i risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communications, saranno cruciali per migliorare le previsioni sugli scenari che ci attendono a causa del cambiamento climatico.

Prepararci al futuro guardando al passato, dunque. I ricercatori lo hanno fatto indagando le cause che si nascondono dietro la cosiddetta ‘crisi di salinità del Messiniano’, quella fase in cui il bacino del Mediterraneo ha perso il collegamento che lo metteva in comunicazione con l’Atlantico e si è trasformato in una valle arida, con uno spesso strato di sale a coprirne il fondale (da qui la definizione di ‘crisi di salinità del Messiniano’).

Per avere un quadro globale di cosa è accaduto in quei 270.000 anni, i geologi hanno eseguito 60 perforazioni lungo il margine del continente antartico e nell’oceano meridionale. L’analisi dei sedimenti ha dimostrato che a quell’epoca in Antartide si era sviluppata una fase erosiva dovuta all’espansione della calotta polare: questo fenomeno avrebbe progressivamente ridotto il livello degli oceani, determinando il prosciugamento del Mediterraneo. La successiva fase di ritiro dei ghiacci avrebbe poi causato l’innalzamento dell’Atlantico, determinando una catastrofica inondazione che in pochi anni avrebbe riempito nuovamente il bacino del Mediterraneo.

”Una delle implicazioni di questa ricerca – sottolinea Fabio Florindo, direttore della Struttura Ambiente dell’Ingv e coautore dello studio – è la comprensione del fatto che alla crescita o riduzione delle calotte polari, le oscillazioni degli oceani avvengono con modalità irregolare. Una fusione parziale delle calotte potrebbe quindi determinare una variazione complessa del livello degli oceani, dando vita a nuovi scenari di cambiamento climatico”. (fonte Ansa)

a1f28b7d9808188fd7cff56663816f26

Previous Il clima nei paesi sardi: VILLASOR
Next Nebbie e nubi ma nella notte temperature scese fino a 0°C

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

La Terra dallo Spazio: spettacolare foto ad altissima risoluzione

Spettacolare immagine della Terra ripresa dallo spazio, da circa 36000km, relativa al 4 agosto 2015 e prodotta dall’ultimo arrivato nella famiglia dei satelliti meteorologici europei, MSG-4, lanciato in orbita 15

Sotto la lente

Giovedì termometri fino a 36°C! Il Sarrabus ancora in prima linea!

Sta per entrare nel vivo la seconda ondata di calore stagionale che, rispetto a quella vissuta la settimana scorsa, avrà durata inferiore e picchi di calore meno accentuati. Dalla giornata

News

Rovesci in atto, ecco dove i più forti

La giornata odierna è di transizione verso una severa fase di maltempo che si aprirà dalla giornata di domani (dettagliata nel LINK1 e LINK2). Pur essendo leggermente migliorate, le condizioni