Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Il clima nei paesi sardi: SADALI

Il territorio di Sadali, sito nella provincia di Cagliari e nella sub regione storica della Barbagia di Seulo, ha un’estensione di 4988 ettari e confina a Nord con il comune di Seulo, a Ovest con Villanovatulo, a Est con Seui e Sud con Esterzili e Nurri. Il nucleo centrale del territorio è costituito da un vasto altopiano dolomitico-carbonatico in cui è presente un intenso carsismo. L’altopiano ha una quota media di circa 750–800 metri sul livello del mare, serbatoio naturale delle falde acquifere che alimentano numerose sorgenti e le bellissime cascate del territorio. Oltre alle numerose sorgenti e torrenti il territorio di Sadali è ricco di grotte che durante la primavera e l’estate sono meta di numerose comitive di turisti. Il Flumendosa costituisce uno degli aspetti salienti del paesaggio sadalese, limite di confine tra la Barbagia e il Sarcidano e fonte di ricchezza inestimabile per la Sardegna sempre povera d’acqua e afflitta per anni dalla terribile piaga della siccità.

Secondo la classificazione di Köppen e Geiger il clima di Sadali è di tipo Csb, ossia temperato delle medie latitudini (Il mese più freddo ha una temperatura media inferiore a 18 °C ma superiore a -3 °C) con stagione estiva generalmente asciutta e con la media del mese più caldo inferiore a 22°C.

La temperatura media annuale è di 12,7°C. Il mese più freddo è gennaio con una temperatura media di 5,5°C mentre il più caldo è agosto con una media di 21,8°C. Particolarmente interessante l’andamento termico della stazione di Sadali che, in virtù di una posizione geografica che la ripara dalle correnti caldo umide marittime, riesce a raggiungere picchi di freddo notevoli sia durante la stagione estiva che invernale. Ricordiamo i -14,3°C dell’11 febbraio 2012, i -9,5°C del 31 gennaio 2005, i -8,8°C del 13 Febbraio 2012, i -8,6°C del 5 Gennaio 2002, i -8,4°C del 25 Gennaio 2006 e i -8,1°C del 12 Febbraio 2012, tra i valori in assoluto più bassi registrati dalla rete di rilevamento regionale.

climate-table

La piovosità media annua è di 731 mm. Il mese più piovoso è dicembre con 115 mm mentre luglio è il più secco con 10 mm anche se nella stagione estiva non sono rari i fenomeni temporaleschi in discesa dal massiccio del Gennargentu. Analizzando la serie storica pluviometrica si notano tantissimi accumuli mensili superiori ai 150 mm, con picchi fino a 250 mm/300 mm, tuttavia solo in poche occasioni sono stati superati i 100 mm giornalieri. Tra i giorni più piovosi ricordiamo i 130 mm il 31 gennaio 2006,114 mm l’8 novembre 1983, 103,3 mm il 28 febbraio 2003 e 101,2 mm il 23 novembre 1961.

climate-graph

Foto di copertina Christian Camana.

Previous Variabilità residua, ma si va verso il meteo anticiclonico
Next Colosso anticiclonico in formazione

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Mari e oceani potrebbero innalzarsi di 6 metri con effetti terribili

Un nuovo studio (pubblicato sulla rivista Science) che riassume tre decenni di ricerca sugli effetti storici della fusione delle calotte polari, ci dice che il livello dei mari e degli oceani è

News

Ottobre 2015, il più caldo da quando esistono le rilevazioni

Al 99,9%, come anticipato in un editoriale di fine luglio e in virtù dell’andamento dei mesi autunnali, il 2015 risulterà l’anno più caldo della storia, per lo meno da quando esistono

Clima

Dalla padella alla brace: caldo a novembre e caldo a dicembre

No, non se ne esce. E diciamolo pure: non se ne può più. Non ci stancheremo mai di ripetere che al di là dei gusti personali – sicuramente soggettivi –