Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Il clima nei paesi sardi: VILLASIMIUS

Villasimius è il comune localizzato nell’angolo sud orientale della Sardegna, particolarmente rinomato per le numerose località turistiche che determinano un flusso consistente di turisti nel periodo nel periodo estivo e, complici le favorevoli condizioni climatiche, anche in tarda primavera e autunno. Il comune si estende dalla catena montuosa dei Sette Fratelli (a nord-ovest) sino alle coste del promontorio di Capo Carbonara (sud-est) dove è ubicata una stazione di rilevamento meteo dell’Aeronautica Militare. Le montagne occupano il lato occidentale del territorio; di particolare importanza è il monte Minni Minni con un’altitudine di circa 500 metri. A ovest del promontorio di Capo Carbonara sono presenti la spiaggia di Campulongu e il porto turistico, mentre nel versante orientale si trovano lo stagno di Notteri e le spiagge di Simius e Porto Giunco. A Villasimius appartengono anche l’isola dei Cavoli e Serpentara. In accordo con la classificazione di Köppen e Geiger, il clima è del tipo BSk, ossia della steppa fresco (media annuale inferiore ai 18°C) e asciutto. Si tratta di una classificazione determinata, oltre che dalle temperature, anche dai valori di precipitazione. L’evaporazione potenziale supera in media le precipitazioni nel corso di tutto l’anno. Non c’è eccedenza idrica, per cui in questa zona non prendono origine corsi d’acqua a carattere permanente.

La temperatura media annua è di 17,4°C. Il mese più caldo è agosto con una media di  25,4°C mentre il mese più freddo è gennaio con 11,4°C. Località che gode di un clima particolarmente mitigato dal mare e per tale motivo nelle serie storiche mancano valori di temperatura sia eccessivamente elevati che bassi.

climate-table

La piovosità media annua è di soli 287 millimetri, valore che rende Villasimius il comune più arido di tutta Italia. Le precipitazioni maggiori si registrano nel mese di ottobre che riporta una media di  43 millimetri mentre luglio è il mese più secco con soli 2 millimetri per una media annua di soli 37 giorni di pioggia. Nonostante la piovosità sia piuttosto bassa non sono rare giornate caratterizzate da accumuli superiori ai 100 millimetri poichè la zona è particolarmente esposta alle correnti umide di scirocco. Si ricordano i 219 mm il 16 settembre 1971, 133,2 mm il 19 ottobre 1965, 127,3 mm il 30 dicembre 1984, 122 mm il 19 dicembre 1930 e 100 mm il 7 ottobre 1929 ed il 29 marzo 1934, settembre 1971 397,2 mm. Tra i mesi più piovosi menzioniamo l’ottobre 1957 con 374 mm ed gennaio 1973 con 365,2 mm.

climate-graph

Previous Martedì le prime piogge, possibili anche dei temporali
Next Dal maltempo al caldo. Altro freddo a fine mese?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Ispra: entro il 2100 in Italia le temperature saliranno di 5°C

Sono assolutamente impressionanti i dati pubblicati all’interno del rapporto “Il clima futuro in Italia” dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), che presenta un’analisi delle previsioni del clima

Clima

Il buco dell’ozono riprende ad allargarsi

Negli ultimi anni sembrava che nulla potesse impedire al buco nell’ozono, presente sopra al continente antartico, di richiudersi. In passato aveva raggiunto dimensioni di circa 30 milioni di chilometri quadrati,

Clima

Giugno è stato fresco. Lo confermano i dati finali

Come previsto e prevedibile, viste le numerose incursioni d’aria fresca e le tante giornate di Maestrale, giugno ha lasciato in dote un profilo termico mensile più fresco del normale. Il