Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Il lago Ciad sta sparendo: quali possibili conseguenze?

E’ allarme sulle condizioni di salute del lago Ciad, quarto per grandezza in Africa, a rischio di scomparire per cause ambientali e cattiva gestione delle sue acque. Fondamentale per la sopravvivenza di oltre 30 milioni di persone, molte delle quali sono potenziali migranti forzati, il lago si è ridotto in cinquant’anni a meno di un decimo della estensione. Lo afferma il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) che il 14 ottobre organizza una conferenza internazionale dal titolo “Il lago Ciad: un serbatoio di cibo e acqua tra disastro ambientale e cooperazione internazionale.

Il Lago Ciad nella regione del Sahel – tra le frontiere del Ciad, Camerun, Nigeria e Niger – rischia di diventare un ricordo sulla carte geografiche se non si interviene ad arginare il suo progressivo prosciugamento. L’inaridimento di questa riserva d’acqua dolce rischia di provocare una crisi ambientale, ecologica e umana di enormi dimensioni, con conseguenze anche sulle ondate migratorie già in atto, dirette verso l’Europa e soprattutto verso l’Italia, rileva il Cnr. Il bacino idrico africano è il perno intorno al quale ruota un delicato equilibrio economico e geopolitico di una vasta area che si affaccia sulle sue rive e beneficia delle sue risorse. “Fermare l’agonia del lago Ciad avvalendosi delle più avanzate conoscenze scientifiche e tecnologiche – spiega Luigi Nicolais, presidente del Cnr – è cruciale per garantire un futuro di pace a un’area particolarmente delicata del mondo.

Occorre intervenire sui fattori di fragilità di questo delicato e complesso ecosistema. La progressiva desertificazione, la perdita costante e progressiva di acqua e cibo rendono inospitale l’intera area favorendo il radicalizzarsi dei conflitti e dei fondamentalismi concause delle attuali grandi ondate migratorie”. (ANSA)

lakeciad

Previous Misteriosa scia luminosa sui cieli del Tibet
Next Linea temporalesca si muove verso la Sardegna

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

L’impressionante temporale a “V” responsabile delle alluvioni in Sicilia

Nella giornata di ieri, come abbiamo avuto modo di vedere nello speciale live che abbiamo seguito nella nostra pagina FACEBOOK, la Sicilia è stata battuta da intense celle temporalesche autorigeneranti

News

Spettacolo di sole e mare, in diretta dal Poetto di Cagliari

Comincia da oggi l’estate di San Martino, garantita per più giorni sul Mediterraneo ed Europa centro settentrionale da un colosso anticiclonico in continuo sviluppo ed estensione. Cercheremo di documentare il

Alluvioni

Maltempo in Sardegna: registrati oltre 215 mm in 48h

Il ciclone, che ieri per alcuni istanti ha assunto caratteristiche tropicali, ha abbandonato l’isola dove nelle ultime 48 ore si sono abbattuti intensi fenomeni temporaleschi con conseguenti esondazioni di torrenti, diffuso