Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Misteriosa scia luminosa sui cieli del Tibet

L’ 8 ottobre scorso, coloro che scrutavano il cielo in Asia, hanno assistito ad  un’apparizione misteriosa: una serie di oggetti puntiformi volava attraverso il cielo notturno accompagnata, in alcuni casi, da una nube simil “nebulosa” molto luminosa. “L’UFO’ aveva un sacco di parti”, dice Jeff Dai, che ha fotografato l’oggetto in movimento sopra il monastero di Ganden a Lhasa, in Tibet: “E ‘stato anche visto nelle province dello Xinjiang e del Tianjin della Cina”, aggiunge. “Era un UFO o un razzo?”

ufo2

Secondo l’esperto satellitare Ted Molczan, era un razzo. O meglio, un satellte spia. Egli spiega infatti che “gli avvistamenti sono legati al lancio avvenuto giovedì 8 dei NOSS 3 e7, una coppia di satelliti di sorveglianza appartenenti al National Reconnaissance Office. La striscia più bassa nella foto di Dai (foto in basso) è stata lasciata dalla parte più consistende del NOSS (Naval Ocean Surveillance System).  La parte superiore, a mò di striscia luminosa, è invece la scia lasciata dal carburante del razzo “Centaur” che ha posto in orbita il NOSS.

Jeff-Dai-IMG_0473_aman_1444445949_lg

Previous Il generale Inverno piomberà a est, rimarrà mite a ovest
Next Il lago Ciad sta sparendo: quali possibili conseguenze?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

In attesa dei temporali, oggi gran sole e caldo

Col mirino puntato sul fine settimana, diamo uno sguardo a quel che potrebbe accadere nel corso delle prossime ore. Detto che siamo in presenza di una solida struttura anticiclonica, l’alba

Astronomia

Kepler-452b: 7 curiosità sul pianeta gemello della Terra

Qualche giorno fa gli scienziati della Nasa hanno comunicato in una attesissima conferenza stampa la scoperta di un pianeta molto simile alla Terra a cui è stato dato il nome di Kepler-452b.

Analisi Meteosat

Parte la rotazione ciclonica sulle coste algerine

Chi osserva con costanza le animazioni satellitari per seguire autonomamente il nowcast e la traiettoria delle nubi ed aree temporalesche avrà probabilmente notato, nelle ultime scansioni, un embrione di circolazione