Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Quale area dell’Europa registra in media più fulmini?

Osservando “la carta europea della densità dei fulmini” ricostruita con i dati atdnet, di G. Anderson e D. Klugmann, raccolti tra il 2008 ed il 2012, si nota un massimo particolarmente pronunciato localizzato nel nord ovest e nord est italiano dove, localmente, si arriva fino a 7,9 scariche al km/anno, valore 10 volte inferiore alla media di 80 scariche al km/anno registrate nell’area del bacino del Congo, area equatoriale tra le più temporalesche al mondo. Nelle due zone appena citate la media sale vertiginosamente nel mese di luglio con ben 54,4 scariche al km/anno. Come si evince dalla mappa i temporali si presentando frequentemente in tutta l’area balcanica, la Francia meridionale, i Pirenei e Italia peninsulare (specialmente fascia appenninica) con una media compresa tra 2 scariche al km/anno e 4 scariche al km/anno. Pochi fulmini sulla nostra isola con una media compresa 0,4 scariche al km/anno dell’Oristanese e 1,6 scariche al km/anno della Sardegna centrale ed orientale.

12003275_1727154500840977_1260631956296114323_n

Previous Il nuovo peggioramento meteo di metà settimana
Next Alluvioni lampo in Puglia - VIDEO

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Che freddo al mattino: tantissime stazioni sotto i 10°C! I dati

Maggio 2015 verrà sicuramente ricordato per gli eccessi termici che ci sta proponendo: da un esordio bollente con punte oltre i 40°C si è arrivati ora, attraverso un’escursione termica di

News

Oggi tornerà il gran caldo

Dopo aver attraversato una prima parte settimanale gradevole, grazie ai venti settentrionali e all’intervento di temporali talvolta violenti, il ritorno dell’Alta Pressione – diciamolo subito, temporaneo – sta facilitando un

News

Siccità, continua a non piovere: cresce l’allarme sul Nord Sardegna

E’ un dicembre eccezionalmente secco in Sardegna, con carenza di precipitazioni quasi ovunque, e pertanto stanno continuando a diminuire i volumi d’acqua contenuti sugli invasi. La situazione non è comunque