Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Da dove arriverà la prossima perturbazione?

La giornata passata proponeva frequenti precipitazioni, spesso temporalesche, sui settori orientali e meridionali della nostra regione. La causa, chi ci segue lo sa, era ascrivibile alla cattivissima perturbazione nord africana: in origine atlantica, poi iberica, a contatto con le calde acque mediterranee ha innescato una serie di supercelle temporalesche che hanno letteralmente devastato la Sicilia ionica.

Ora, fortunatamente verrebbe da dire, quella perturbazione si sta allontanando e in Sardegna torneranno a prevalere ampie schiarite. Schiarite che potrebbero intervallarsi a qualche annuvolamento pomeridiano sui rilievi, ma la probabilità di precipitazioni sarà blanda. Per intenderci: le mappe di previsione hanno cancellato i possibili residui temporali indicati ieri (avrebbero dovuto interessare il cagliaritano). Ed allora, osservando l’immagine satellitare abbiamo modo di apprezzare quanto detto:

Fonte immagine EumetSat 2015, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Fonte immagine EumetSat 2015, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Ora, sappiamo che nel fine settimana subentrerà un temporaneo rialzo delle temperature. Sappiamo anche che potrebbe essere seguito da nuovi, intensi temporali. Ma cos’è che scatenerà tutto ciò? Non di certo quella grossa perturbazione che sta lambendo il Nord Italia: possiamo dirvi che su di noi non avrà alcun effetto. Piuttosto si deve osservare con attenzione in Atlantico, perché quella che in gergo tecnico definiamo “Depressione d’Islanda” sta iniziando a premere sull’acceleratore.

Un primo sistema nuvoloso avanza minaccioso verso le coste occidentali europee e nel suo cammino andrà a congiungersi con l’aria fresca instabile proveniente da est. A quel punto si aprirà una breccia nell’Alta Pressione (che ha i massimi collocati in Scandinavia) e i vari impulsi perturbati atlantici riusciranno a penetrare maggiormente sul Mediterraneo. Verrà coinvolta l’Italia centro settentrionale e presumibilmente anche la nostra Isola, mentre al Sud si innescherà una risalita d’aria calda dal nord Africa che potrebbe spalancare le porte a un successivo colpo di coda della bella stagione. Ma ci torneremo su.

Previous Temporale molto elettrico tra Sant'Antioco e Carloforte
Next Confermata la scaldata pre frontale del week end

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Cronaca

Freddo risveglio: raggiunti i 2°C!

Continua a far molto freddo durante le ore notturne e al primo mattino nelle pianure e vallate interne. Le ampie schiarite della notte scorsa ed un indebolimento generale dei venti,

News

Oggi il caldo si sposterà nuovamente a ovest

Ieri l’est, oggi l’ovest. Un caldo democratico, verrebbe da dire… Perché dopo aver sfruttato i venti occidentali per riscaldare abbondantemente la fascia orientale, oggi approfitterà dell’attenuazione degli stessi per riprendersi

News

Asticella a 40°C anche in questo inizio settimana

Caldo? Super caldo? Afa? Calura? Clima infernale? Definitelo come meglio preferite, tanto non cambia nulla: dobbiamo prepararci ad affrontare un’altra giornata al cardiopalma. Chi soffre maggiormente il caldo è bene