Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Prossima settimana nuovo maltempo sul Mediterraneo

Il tanto atteso ed invocato cambio di circolazione si sta concretizzando in queste ore e sarà seguito nel corso del week end dal CROLLO DELLE TEMPERATURE. Temperature che, come annunciato negli editoriali dei giorni scorsi (MALTEMPO LA PROSSIMA SETTIMANA?), si manterranno fresche e gradevoli per tutta la prossima per via di una particolare disposizione delle figure bariche sullo scacchiere europeo che vedrà l’alta pressione delle Azzorre puntare verso nord est in direzione dell’Europa centro settentrionale e scandinava con conseguente richiamo di aria fresca lungo il suo bordo orientale e meridionale in direzione del Mediterraneo centrale.

Aria fresca che, secondo gli ultimi aggiornamenti dei principali centri di calcolo previsionale mondiale, potrebbe innescare una nuova circolazione depressionaria sul basso Mediterraneo, in un settore del Mare Nostrum dove le temperature marine superficiali estremamente elevate alimenterebbero celle temporalesche di forte intensità, in grado di rinnovare a metà della prossima settimana le condizioni di maltempo sul sud Italia con possibile coinvolgimento anche della nostra isola sul quale torneremo con maggiori dettagli nei prossimi aggiornamenti.

z500_120

Previous Il temporale arriva su S.Teodoro: foto e video
Next Spettacolare supercella temporalesca sul Mare di Sardegna

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Previsioni

Maltempo e clima più freddo del normale. Meteo marzo davvero scoppiettante

EVOLUZIONE METEO DALL’8 AL 15 MARZO Non possiamo certo considerarlo un avvio di marzo propriamente primaverile. Prima il maltempo e poi anche il freddo caratterizzeranno a lunghi tratti il meteo

Previsioni

Altri temporali, da venerdì meteo migliora. Verso un weekend Palme col sole

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 23 MARZO 2016 Instabilità ancora attiva in Sardegna, a causa dei contrasti di correnti fredde giunte da est con masse d’aria più temperate