Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Rapido passaggio di nubi in questo inizio di giornata

Siamo prossimi ad un considerevole miglioramento delle condizioni meteorologiche, ma prima che l’Alta Pressione prenda pienamente il sopravvento stiamo assistendo a qualche piccolo disturbo nuvoloso. Fin da domenica osservavamo locali annuvolamenti dettati essenzialmente dall’intrusione dapprima di umidi venti meridionali – Libeccio a ovest, Scirocco a est – successivamente per mano del vento di Ponente. Vento che continueranno a tenerci compagnia anche nelle prossime ore, seppur decisamente meno vigoroso rispetto a quanto avvenuto a cavallo tra ieri sera e la notte appena trascorsa. Ed ecco quindi che non dobbiamo stupirci se l’osservazione satellitare mette in risalto della nuvolosità variabile su alcune aree dell’isola. Eccola:

Fonte immagine EumetSat 2015.

Fonte immagine EumetSat 2015.

Gli annuvolamenti hanno stazionato per più tempo tra le coste del basso oristanese e dell’iglesiente, così come pure a ridosso dei principali massicci montuosi della Sardegna centrale (Gennargentu su tutti). Trattasi di nubi sostanzialmente basse, riconducibili all’umidità marittima sospinta verso est dalla ventilazione occidentale. Ma qual è la causa di tutto ciò? Osserviamo la seconda rielaborazione satellitare:

Fonte immagine EumetSat 2015, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Fonte immagine EumetSat 2015, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Si evince facilmente una predominanza perturbata sull’Europa occidentale ed osservando le isobare disposte praticamente lungo i paralleli possiamo comprendere il motivo di una ventilazione da ponente così marcata. Tuttavia, è bene sottolinearlo, sull’Italia meridionale permane un coriaceo promontorio d’Alta Pressione. Trattasi dell’africano, destinato a prendere il sopravvento non appena la morfologia della Depressione d’Islanda muterà in modo tale da incentivare un calo pressorio importante tra la Penisola Iberica e l’Atlantico orientale. Manovre che osserveremo a partire da domani e che nel giro di qualche giorno ci consegneranno nelle mani dell’ultima ondata di caldo dell’estate (il 1° settembre esordirà ufficialmente l’autunno meteorologico).

Previous La Terra dallo Spazio: spettacolare foto ad altissima risoluzione
Next Il Mondo non è come sembra

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Prosegue la rassegna di notti tropicali in Sardegna

E’ Estate e deve fare caldo, questo si sa, e anche se non ci sono eccessi di calore come lo scorso anno, quando l’aria del Sahara determinò una calura asfissiante

Analisi Meteosat

Risveglio con i temporali sul nord Sardegna

Come anticipato IERI, lo spostamento del minimo depressionario verso l’area tirrenica durante le ore notturne ha determinato l’innesco di attività temporalesca sporadica sul nord dell’isola. Nel corso delle scorse ore

Analisi Meteosat

Prima del picco di calore pomeridiano…un tuffo al mare!

Come da attese, sui settori occidentali e settentrionali dell’isola le temperature stanno letteralmente schizzando verso l’alto e nelle prossime 2 ore si raggiungeranno i picchi massimi di giornata. Al momento