Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Meteorite si abbatte in Iran: danni alle città

La notizia è stata confermata dalle agenzie di stampa iraniane. L’impatto di un meteorite è avvenuto nei pressi di Qazvin, in Iran, a non troppa distanza dalla capitale dello stato iraniano Teheran. Molte agenzie parlano di danni ingenti. Il meteorite è caduto vicino a Qazvin, ma anche nei pressi di Karaj, Zanjan e Hamadan. La località in cui il meteorite sarebbe caduto al suolo è quella di Abhar, Provincia di Zanjan.

Il governatore della zona ha dicihiarato che la macchina dei soccorsi si è già messa in moto per aiutare la popolazione colpita da questo meteorite. Si tratta quasi certamente di un meteorite di dimensioni molto grandi (potrebbe essere lungo oltre due metri, questo affermano le testate giornalistiche iraniane) in quanto sono numerosissime le cittadine coinvolte da quest’impatto, con vetri esplosi e infissi danneggiati. E’ sconosciuta l’entità dei danni, i primi rapporti potrebbero essere lanciati tra poche ore. L’evento di questa notte è molto simile a quello del 15 Febbraio 2013 a Chelyabinsk.

meteor-Qazvin

Previous Leggero calo delle temperature lunedì 3 agosto
Next Silt sahariano in prossimità della Sardegna

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Dal Mondo

Europa rovente la prossima settimana: guardate che caldo!

E’ un’Europa a dir poco rovente, quella che ci mostra il modello americano GFS per la prossima settimana. Abbiamo scelto di proporvi la mappa delle temperature massime previste nella giornata

News

Oltre 360000 fulmini tra il 4 ed il 7 settembre

Tra il 4 ed il 7 settembre l’Europa è stata attraversata in più settori da intense celle temporalesche, localmente dalle caratteristiche stazionarie/autorigeneranti e alluvionali, innescatesi a causa dei forti gradienti

News

Temperature notturne di nuovo sotto i 5°C

Il passaggio del fronte freddo, avvenuto nel pomeriggio/sera di ieri a partire dal Sassarese, ha determinato l’ingresso sulla nostra isola di masse d’aria fredda e secca con temperature che, complici