Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Aria sub tropicale continentale in ingresso: perchè tanta umidità?

La massa d’aria calda in ingresso ed espansione su buona parte del Mediterraneo centro occidentale è classificabile come sub tropicale continentale. Il nome ci fa capire immediatamente che si origina nelle aree sahariane o sub sahariane del nord Africa e, sfruttando le ondulazioni meridiane del getto polare, si spinge verso le nostre latitudini per mezzo di promontori anticiclonici. Si tratta di una massa d’aria calda e sostanzialmente secca a tutte le quote troposferiche tuttavia quando arriva sulla nostra isola si presenta estremamente umida. Come mai?

Il diagramma che segue è il radiosondaggio di Cagliari delle 2 di stanotte, una misura delle variabili atmosferiche a tutte le quote troposferiche ottenuta con i palloni sonda. Le due curve nere rappresentano la temperature dell’aria, curva a destra, e il dew point o temperature di rugiada (temperatura alla quale la massa d’aria in questione raggiunge la saturazione e condensa), curva a sinistra. Più le curve sono distanti più la massa d’aria è secca mentre la loro vicinanza denota masse d’aria prossime alla saturazione. Come si evince dall’elaborazione, l’area in arancione è particolarmente secca mentre solo gli strati prossimi al suolo risultano umidi.

Questo accade perchè le masse d’aria calda transitando sul mare relativamente fresco determinano una forte evaporazione degli strati superficiali e si caricano nei bassi strati di tantissima umidità. Inoltre, più la massa d’aria è originariamente calda, maggiore sarà il quantitativo di umidità che potrà trattenere. Quando l’aria sub tropicale è accompagnata da sostenuta ventilazione, lo strato umido può presentarsi spesso per centinaia di metri in prossimità del suolo mentre, come sta accadendo e accadrà nei prossimi giorni, in presenta di ventilazione debole la cappa umida è concentrata in prossimità del suolo.

grafico

Il diagramma che segue è la versione “numerica” e più dettagliata di quello appena presentato, utile dunque per avere una chiara immagine della colonna d’aria che ci sovrasta. Come detto, la ventilazione debole, determina una forte concentrazione di umidità nei primi 140 metri. Salendo di quota, dai 200 metri ai 3700 metri, l’interazione col mare si fa sentire di meno e l’aria mantiene le caratteristiche d’origine (molto calda e secca). Per tale motivo, specialmente di notte, lungo i tratti costieri e di pianura l’afa è e sarà pesante a differenza dei centri di collina e montagna dove farà si caldo ma non si suderà. Un ultimo appunto lo dedichiamo ad un leggero aumento di umidità tra i 4000 metri e 7000 metri e tale da permettere l’eventuale formazione dei classici cirri di bel tempo.

Untitled 1.jpgfrecre

Previous Martedì picchi di 35°C; vediamo dove
Next Caldo africano: ecco come e quando potrebbe terminare

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Al via meteo in fotocopia: soleggiato e molto mite

L’Anticiclone ha messo radici nel cuore del Mediterraneo, spingendosi addirittura in Scandinavia e allontanando le organizzate perturbazioni atlantiche dal nostro Paese. La radice calda nord africana fa si che le

News

Tempesta in Sardegna: è emergenza meteo con allerta Protezione Civile. Piogge intense sulla neve

Furiosi venti spazzano la Sardegna da stanotte, con raffiche che in zone neppure particolarmente esposte hanno superato i 120 km orari, e pare i 150 orari in località sottovento, dove

News

Al via il ponte pasquale: ecco il meteo di oggi

Al via le prove generali per la prossima stagione turistica. Oltre ai nostri spostamenti, la nostra regione verrà invasa da migliaia di turisti provenienti dalla Penisola e dall’Europa. Ovviamente l’evoluzione meteo