Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

METEO eccezionale: cosa potrebbe succedere

Tutti i Centri Meteo che elaborano i modelli matematici di previsione ad alta risoluzione prospettano la formazione di un’area ciclonica nel Mar Tirreno, a ridosso della Sardegna. La previsione appare essere di alta affidabilità, ma è preferibile considerarla assolutamente da confermare, in considerazione della natura del fenomeno previsto.

NIENTE ALLARMISMO
Il nostro ruolo non è allarmare nessuno, e diramare allerta meteo. Noi informiamo e ci occupiamo di previsioni meteo. Per le allerte, se sarà ritenuto opportuno, le “autorità preposte si occuperanno di informare preventivamente e adeguatamente la popolazione”.
Ciò non riduce la previsione che prospetta maltempo rilevante in varie aree della Sardegna.

TLC – Ciclone mediterraneo
Si fanno molte congetture, ipotesi sull’evento. Le previsioni disponibili stamattina, sdrammatizzano l’entità della forza del vento. Per intenderci, un’area di bassa pressione dalle caratteristiche tropicali, o simil tropicali, si potrebbe formare nel Mar Tirreno entro le prossime 24 ore, e potrebbe interessare la Sardegna. Ma non c’è alcun uragano o ciclone previsto, ma molta pioggia, anzi, moltissima.

FENOMENI ESTREMI DIFFICILMENTE PREVEDIBILI
Questi fenomeni sono difficilmente prevedibili, probabilmente perché nel Mediterraneo non ci sono strutture organizzate a diffondere informazioni capillari come in altre aree del Pianeta, esempio gli Stati Uniti d’America.

VENTO DI URAGANO?
I venti sino alla forza di uragano previsti ieri sono stati SMENTITI. Ma serve MOLTA cautela nelle previsioni meteo, in specie con situazioni come quella prevista, sono necessari dati meteo su una situazione che comunque presenterà un’eccezionalità.

TLC – Tropical Like Cyclones ovvero Ciclone di tipo tropicale
Quello che potrebbe formarsi si chiama TLC – Tropical Like Cyclones ovvero Ciclone di tipo tropicale, ma non è un URAGANO come quello che di recente ha interessato gli USA, o un altro le Filippine e poi la Cina.

La bibliografia e gli studi sono scarsi in merito, considerato che sono fenomeni sporadici, occasionali.

PIOGGE ECCEZIONALI
Nell’osservazione accurata dei modelli matematici di previsione, varie aree della Sardegna rischierebbero piogge molto importanti, forse anche con quantitativi che in passato hanno causato eventi alluvionali.

Le aree a rischio sarebbero le solite, da Olbia verso il cagliaritano, forse l’oristanese. Ma la previsione nel dettaglio è molto complessa, e soprattutto non ci sono certezze. La causa della burrasca sarà o sarebbe l’area ciclonica che presenterà caratteristiche tropicali o simil tropicali, che si formerà su un mare molto caldo più rispetto alla media.

LA PREVISIONE METEO
I LAM, ovvero modelli matematici ad alta risoluzione, con dati sorgente dal modello matematico europeo (ECMWF) e americano (GFS), prospettano la genesi di un profondo, non profondissimo, e piccolo vortice ciclonico ad est della Sardegna, che poi si sposterebbe verso la terraferma, interessando la regione con piogge molto forti e persistenti.

Previous Meteo oggi, forti temporali già in atto su ovest Sardegna
Next Meteo Cagliari: possibili temporali anche forti

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Sotto la lente

Oggi e domani le giornate più calde: attesi picchi di 28°C

L’ondata di calo che sta investendo la nostra Isola, che come ben sappiamo è causata dal consolidamento dell’Anticiclone africano, raggiungerà il culmine tra oggi e domani. Con l’ausilio del nostro

Sotto la lente

Nel pomeriggio altri temporali, a rischio il cagliaritano

Come già sottolineato nell’articolo previsionale, nel corso del pomeriggio ci aspettiamo ulteriore instabilità. Instabilità diurna significa acquazzoni, localmente intensi, e temporali. Stante la mappa ad alta risoluzione del nostro modello

Sotto la lente

Nel pomeriggio potrebbe verificarsi qualche temporale

E’ un’eventualità da prendere in considerazione alla luce dell’ultimo aggiornamento del nostro modello di previsione. Osservando infatti la mappa del “rischio temporali” notiamo la comparsa di una discreta componente energetica