Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Famiglia di grossi temporali nel Centro Sardegna, nubifragi

Nel pomeriggio, anche il centro della Sardegna è stata oggetto di forti temporali, tuttavia a carattere locale. La foto meteosat mostra la nube temporalesca di un forte temporale ormai in dissolvimento, nella zona di Macomer, Cuglieri, Ghilarza, che ha causato ingenti rovesci e molti fulmini in prossimità del Monte Ferru. Al momento non abbiamo notizie di grandine, ma le caratteristiche del temporale sono compatibili con locali cadute di grandine, avendo il top nube raggiunto oltre i 12 chilometri di altezza.

La foto satellitare mostra un banco nuvoloso a largo di Bosa, qui sono ancora in atto scariche elettriche ed un temporale termo-convettivo in attenuazione sul mare. Segnale, questo, della forte instabilità atmosferica di questo periodo.

Infine, in questi istanti si va formando nell’alto oristanese un’altra area temporalesca, questa foto mostra una macchia nuvolosa molto brillante, segno di vivacità delle correnti, e quindi di crescita del cumulonembo.

Previous Cumulonembi esplosivi nel Nord Sardegna, temporali con grandine
Next Condizioni meteo avverse a carattere locale per oggi in Sardegna

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Analisi Meteosat

Imminente peggioramento sul sud Sardegna

Come da attese il fronte freddo, man mano che attraversa la terraferma, perde intensità perchè viene meno l’alimentazione caldo umida fornita dagli strati atmosferici soprastanti la superficie marina. Tuttavia il settore

Cronaca

Fresco risveglio dopo il week end tropicale – i dati

Dopo aver sperimentato nel corso del week end le temperature minime più elevate della stagione estiva 2015 e ben oltre la soglia tropicale dei 23°C (lungo le coste meridionali i

News

Goccia fredda prossima alla Sardegna; meteo in peggioramento

Come promesso e previsto, il cambio circolatorio sulla nostra isola si è concretizzato: la goccia fredda è entrata ieri mattina sul Mediterraneo dal golfo del Leone determinando un primo aumento