Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Meteo weekend: sarà gran caldo

Attualmente sta affluendo aria relativamente fresca, sicuramente non calda, di matrice oceanica. Ma prepariamoci a una nuova ondata di caldo dal nord Africa. A partire da giovedì avremo un netto rinforzo dell’Alta Pressione, che piloterà fin da subito aria sahariana verso la nostra regione. Inevitabilmente ci aspettiamo un generale, sostanziale aumento delle temperature che si riporteranno su valori superiori alle medie stagionali.

I picchi più alti si dovrebbero realizzare tra sabato e domenica, allorquando le massime supereranno diffusamente quota 35°C e localmente avremo punte di 38-39°C. Dobbiamo considerare anche un altro elemento: lo Scirocco. Scirocco che si farà sentire maggiormente sui settori meridionali dell’Isola e che andrà a innescare un effetto favonico sui settori occidentali. E’ qui, infatti, che ci aspettiamo le temperature più alte.

Tenete conto che avremo un incremento dei tassi di umidità, ciò significa che il calore percepito sarà superiore. Avremo afa, per intenderci, afa che si percepirà soprattutto lungo le coste. Infine poco o nulla da segnalare sul fronte nubi.

Previous Isolati temporali, poi il gran caldo
Next Sarà un weekend di gran caldo africano

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Previsioni

Nuovo picco del caldo dal weekend. Meteo ancora con l’anticiclone africano

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 21 APRILE 2016 L’anticiclone africano tornerà di nuovo più forte sul finire della settimana e si manterrà assoluto padrone della scena per svariati

Breve termine

Bel tempo, sole, clima ideale per i turisti. Non farà neppure molto caldo

Il tipico clima mediterraneo, quello che d’Estate si dovrebbe avere in Sardegna è tornato, e oggi prevarrà il sole ovunque, con qualche nube che sarà solo di passaggio.

Previsioni

Sardegna divisa dal meteo: uggioso a ovest, soleggiato a est

Non è la prima volta e non sarà neppure l’ultima. E’ successo per tutta la prima metà di febbraio, quando avevamo a che fare con la lunga serie di perturbazioni