Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Fine settimana con vento ma sole prevalente

Il primo, inaspettato e anticipato assaggio d’inverno è ormai passato. Il Vortice Ciclonico transitato sul Tirreno si sta spostando sullo Ionio, liberano la nostra regione dalla nuvolosità. Nubi che anche mercoledì, d’altronde era stato previsto, stazionavano sulla Sardegna orientale generando piogge battenti e abbondanti.

All’orizzonte appare un periodo di bel tempo, forse non troppo lungo, ma che si avvarrà della propaggine orientale dell’Alta Pressione delle Azzorre. Inizialmente non sarà troppo invadente, tant’è che sul fianco orientale scorrerà altra aria fredda che porterà del vento. Vento innescato dal gradiente barico – differenza di pressione – che si andrà a creare tra i settori occidentali del Mediterraneo e l’Europa centro orientale, vento che su di noi soffierà con maggior vigore domenica allorquando ci aspettiamo raffiche di Ponente e poi di Maestrale. Farà fresco, non freddo, ma sul fronte nubi poco o nulla da segnalare se non delle velature in transito qua e là.

La situazione non dovrebbe mutare neanche a inizio della prossima settimana, almeno sino a mercoledì allorquando potremmo assistere a un nuovo cambiamento. Ma per il momento è prematuro parlarne, stiamo attendendo che si definiscano alcuni elementi previsionali.

meteo-sardegna

Previous Ancora Grecale e ancora maltempo sulla Sardegna orientale
Next Weekend col sole, ma domenica vento

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Previsioni

Maltempo e venti burrascosi, neve sui monti: settimana dal meteo turbolento

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 14 FEBBRAIO 2016 In queste ore si sta verificando quel peggioramento tanto annunciato, responsabile del ritorno della pioggia anche a suon di forti

Breve termine

Violenta ondata di caldo, oltre 40°C prossima settimana

A fine maggio, qualcuno lo ricorderà, proponemmo alcune proiezioni stagionali che recitavano “caldo”. I meteorologi statunitensi puntarono il dito sull’estate africana, condizionata da frequenti incursioni d’aria calda rovente sahariana. Per