Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Sabato potrebbero verificarsi temporali e nubifragi

Come già ampiamente dibattuto nell’articolo di previsione, a partire da domani un nuovo intenso peggioramento colpirà la Sardegna. Peggioramento che porterà tanta pioggia e tantissima neve oltre i 1200-1300 metri (sul Gennargentu). Come si evince dalla mappa in allegato, le precipitazioni più intense dovrebbero concentrarsi su est e sud Sardegna, causa lo stazionamento di un Vortice di Bassa Pressione grosso modo tra nord Africa e Canale insulare.

I venti di Scirocco esalteranno l’effetto stau lungo tutta la fascia orientale e sui monti circostanti il cagliaritano, in particolare nel capoterrese ove potrebbero verificarsi temporali. Si evidenziano accumuli di oltre 50 mm, con punte anche di 100 mm e oltre in Ogliastra. Pioverà a sprazzi anche sui settori ovest, ma meno e in modo irregolare. Attenzione, come sovente capita in queste circostanze il modello potrebbe sottostimare gli effetti perturbati, così come non escludiamo delle variazioni a seguito dell’esatta collocazione del Vortice di Bassa Pressione. Ragion per cui vi invitiamo a restare sintonizzati sulle nostre frequenze.

Le precipitazioni attese nella giornata di sabato.

Le precipitazioni attese nella giornata di sabato.

Previous Dopo la neve, i nubifragi: weekend con fortissimo maltempo
Next Meteo Sardegna sull'Unione Sarda

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Sotto la lente

Ci siamo: venerdì 30 peggiora. Possibili forti temporali

L’evoluzione in divenire è quanto mai interessante e andrà monitorata con attenzione. Al momento sembra scongiurato il peggio, ovvero quegli accumuli spaventosi apparsi nelle proiezioni modellistiche d’inizio settimana e poi

Sotto la lente

Freddo, addirittura gelo post Epifania: i modelli dicono il vero?

Da giorni, ormai, i modelli matematici di previsione lasciano intravedere proiezioni invernali davvero consistenti. In qualche caso addirittura crude, trattandosi di aria gelida pronta a catapultarsi nel cuore del Mediterraneo.

Sotto la lente

Venerdì dovrebbe essere la giornata più calda

La situazione meteo climatica è cambiata. Si è tornati alla stessa soluzione barica osservata nella prima metà di luglio, eccezion fatta per la breve parentesi rinfrescante e a tratti temporalesca