Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Ieri grandi piogge: vediamo un po’ di accumuli

Prendiamo in considerazione i dati ufficiali, registrati sia dalla rete del CEDOC che dall’ARPAS. Diciamo subito che le precipitazioni più abbondanti hanno coinvolto i settori orientali, in particolare la fascia compresa tra Ogliastra e Baronia dove localmente abbiamo superato 70 mm mentre sulla Gallura costiera sono scesi tra 40 e 50 mm. Ha piovuto tanto anche a Villasor, oltre 60 mm, ma diciamo che accumuli superiori a 30-40 mm sono stati abbastanza diffusi anche lungo le coste occidentali. Basti pensare che su Alghero, nell’arco di 48 ore (i dati CEDOC comprendono appunto 48 ore) sono scesi poco meno di 50 mm. Infine sottolineiamo la discrepanza di alcuni dati, dettati probabilmente dal luogo dove sono sistemati i sensori o dalla loro manutenzione. Un esempio su tutti: Orosei secondo il CEDOC avrebbe registrato 57.20 mm, mentre secondo l’ARPAS quasi 100 mm!

Dopo il diluvio di ieri, su Arbatax e dintorni è tornato il bel tempo. Fonte skylinewebcams.com

Dopo il diluvio di ieri, su Arbatax e dintorni è tornato il bel tempo. Fonte skylinewebcams.com

Previous Temperature in forte calo la prossima settimana
Next Peggiora con freddo da est, prossimi giorni variabile. Incerto il weekend

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Curiosità

Contrasti termici eccezionali: persi oltre 14°C in 72 ore

Con l’ausilio dei dati termici forniti dalla rete di stazioni ARPAS, abbiamo voluto proporre un approfondimento sull’entità del calo termico registrato nel corso del week end. La seconda metà di

News

Villanova Strisaili e Orosei: oltre 15°C di differenza al risveglio!

L’influenza della moderata ventilazione occidentale, che ha soffiato costantemente durante tutta la notte scorsa con locali rinforzi fino a 50 km/h, e della particolare conformazione geomorfologica che caratterizza i settori

Cronaca

L’occhio del Ciclone risale verso il centro nord Sardegna

Avevamo seguito l’evoluzione sin dal mattino, quando ancora si trovava a ridosso delle coste occidentali. Poi lo abbiamo monitorato nel suo ingresso sulla nostra regione, ora lo troviamo in Campidano