Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Tempesta “Petrine” su Europa occidentale: spettacolare immagine satellitare

Quanto sta avvenendo a ridosso dell’Europa occidentale è realmente uno spettacolo. L’immagine del satellite Terra (NASA), tramite il sensore MODIS, ci dà un’idea della portata dell’irruzione polare in atto. Siamo in grado di distinguere l’ampio fronte freddo, disteso sin sui settori meridionali e orientali della Spagna. A seguito del fronte affluisce l’aria fredda, ben distinguibile dalle nubi convettive marittime (tipicamente a “ciottoli”) sintomo dell’estrema instabilità sull’Atlantico orientale. Abbiamo scelto di proporvi questa rapida analisi perché dovremo tenere d’occhio quel che avverrà proprio sulla Penisola Iberica, laddove si andrà a sviluppare un grosso Vortice di Bassa Pressione i cui effetti ci riguarderanno molto da vicino. Come? Con le piogge, che già domani dovrebbero far breccia sui settori orientali della Sardegna.

Fonte immagine NASA.

Fonte immagine NASA.

Previous Prime, intense piogge mercoledì sera?
Next Mercoledì sera prime piogge. Giovedì maltempo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Analisi Meteosat

E’ il turno dell’Iglesiente – Fulmini in diretta

Come perfettamente individuato dall’uscita mattutina del nostro LAM, un’isolata cella temporalesca sta prendendo vita in questi minuti a nord – nord est di Iglesias dove si registrano già le prime fulminazioni.

Analisi Meteosat

Scoppiano nuovi temporali – Tutti i fulmini in diretta

Puntualmente stanno nascendo in queste ore le prime imponenti celle temporalesche nei settori interni e montuosi della Sardegna orientale. Si tratta di attività convettiva più circoscritta rispetto alla giornata di

Analisi Meteosat

Sardegna sotto tiro dell’aria fredda: forte instabilità

Lo spaccato satellitare ad alta risoluzione ci dà un quadro chiaro, lineare di ciò che sta accadendo: gli impulsi freddi nord atlantici – tecnicamente si tratta di aria “polare marittima”