Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Il bilancio del maltempo: ora cosa ci aspetta?

La forte perturbazione atlantica, che ha utilizzato il grande serbatoio energetico sahariano, ha scagliato sul mediterraneo centro occidentale e sull’Italia ben 200000 fulmini in totale.
Ora la linea più attiva di quel fronte freddo sta scivolando rapidamente sulle regioni centro meridionali della nostra Penisola.
Passata la “sbornia”africana,  sulla Sardegna il tempo è migliorato e le temperature, specie nelle ore notturne, hanno subito una decisa flessione. Ma permane ancora una certa instabilità.
Una linea frontale a carattere freddo approccia in queste ore le coste occidentali sarde, generando rovesci e una modesta attività elettrica sull’iglesiente e sull’arburese.
Rovesci sparsi saranno possibili anche nelle aree interne, specie nelle ore centrali, ma di moderata intensità. Il mix meteteorologico esplosivo è ormai lontano.
In allegato le precipitazioni in atto dalle immagini radar e una foto da Cagliari direzione ovest nord ovest che identifica il nucleo.
screenshot_2016-10-15-11-02-02
20161015_113430
Previous Residua instabilità al pomeriggio: ecco dove
Next Meteo settimanale: variabile, con possibile forte maltempo nel weekend

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Reportage

Nubifragio su Capoterra: 59 mm in 44 minuti!

Nuovo episodio temporalesco sul Cagliaritano tuttavia, rispetto a due giorni fa, i rovesci si sono accaniti con violenza esclusivamente sui settori occidentali dove ci arrivano segnalazioni da Capoterra di un

Temporali

Nubifragi di settembre: Cagliari 24/25 settembre 2006

La Sardegna sta entrando nel periodo dell’anno statisticamente e climatologicamente a rischio eventi calamitosi (nubifragi, alluvioni, grandinate, alluvioni lampo etc). Tra la fine dell’estate e e i primi giorni di

Reportage

Violento MCS investe Cagliari il 31 agosto 2013: nuovo evento di Flash flood

Il mese di agosto, di norma, è il mese estivo per tradizione in cui si registrano i primi cedimenti della stagione estiva: il flusso atlantico raggiungere, col passare dei giorni,