Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

E’ l’agosto che non ti aspetti: sinora temperature inferiori alle medie

Mancano ancora 4 giorni pieni, è vero, ma non crediamo che l’attuale ondata di caldo – non eccezionale – possa ribaltare una condizione termica che va avanti da inizio agosto. La mappa delle anomalie termiche continentali, rappresentate nel modello americano CFSv2, continua a mostrarci una colorazione blu diffusa. Tonalità che cambiano a seconda delle aree geografiche considerate, ma che suggeriscono un elemento univoco: ha fatto più fresco della media. O per meglio dire: le temperature sono risultate inferiori alla media trentennale di riferimento (1981-2010).

Le anomalie termiche continentale da inizio mese a oggi.

Le anomalie termiche continentale da inizio mese alle ore 14 del 26 agosto.

Ovviamente a noi interessa la Sardegna, ma diciamo che la nostra Isola rientra appieno nell’andamento climatico che ha condizionato l’Italia e gran parte d’Europa. I termometri, qui da noi, sono risultati di circa 0,5/1°C inferiori alla media. Tutto sommato ce ne siamo accorti, perché uno degli aspetti più rilevanti del mese (ma mettiamoci un po’ tutta l’estate) è stata la mancanza di quei picchi termici africani a cui c’eravamo abituati dalle scorse stagioni estive.

Previous Come potrebbe essere l'autunno 2016?
Next Metà settimana, Maestrale e temporali sui monti. Ma l'Estate proseguirà

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Ottobre è quasi finito: volete sapere se è stato caldo o fresco?

Dopo il caldo anomalo d’inizio settimana la domanda sorge spontanea: ottobre è stato caldo o fresco? Beh, diciamo che osservando la mappa delle anomalie termiche continentali emergono interessanti elementi di

Clima

Da novembre domina l’alta pressione, pazzesche anomalie

La carta a corredo dell’articolo, realizzata utilizzando la banca dati NCEP – NOAA, riporta le anomalie di geopotenziale alla quota di 500 hPa (circa 5500 metri) registrate dal 1 novembre

Clima

CNR: Italia ad alto rischio desertificazione

”Il rischio desertificazione in Italia è molto elevato”. A causa del degrado del suolo per l’eccessivo sfruttamento, il 21% del territorio nazionale è in pericolo. I numeri salgono ad una