Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Improvviso temporale non previsto? Solo gli effetti di un gigantesco incendio. Immagini impressionanti

Hanno destato curiosità alcuni frame del radar della Protezione Civile, quello che serve a monitorare le piogge in atto. Si è potuto individuare una piccola macchia verde, come se fosse in atto un rovescio molto localizzato nella zona del cagliaritano tra Villanova Tulo, Isili, Nurri e Serri.

radar

In realtà si tratta di un segnale falso, interpretato erroneamente dal radar per la presenza di una vera e propria imponente nube sviluppata da un gigantesco incendio ancora in atto nella zona. Le foto sotto, di Mattia Meloni, mostrano il disastro che si sta compiendo su un’ampia porzione di territorio, con la genesi di un vero e proprio pirocumulo (nube di fuoco) con la nube che poi va a frastagliarsi in velature d’alta quota. Questo odierno è solo uno dei numerosi incendi che da giorni colpiscono l’Isola.

13775385_1152668928146990_167469964303053063_n

13729194_1152670231480193_3812398193865485748_n

Previous Gran caldo, afa: ecco le temperature di oggi
Next Sognando il gelo d’Inverno nel cuore dell’afa dell’Estate, ma qualcosa si può fare per avere fresco

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Analisi Meteosat

A Cagliari sfonda il maestrale bollente: 38°C in pieno centro!

Se fino a 2 ore fa il maestrale era confinato esclusivamente ai settori settentrionali di Cagliari, come analizzato nel REPORT, causando un incredibile divario termico tra gli oltre 40°C di

Analisi Meteosat

Crollo termico, a breve prima neve sul Bruncuspina

Come da attese, in concomitanza col transito del fronte freddo e delle precipitazioni, stanno letteralmente crollando le temperature. Molto interessante l’evoluzione in quota. La stazione amatoriale di Bruncuspina, appartenente alla

News

Diretta meteo dalla neve del Gennargentu al tepore delle coste sulcitane

Le condizioni meteo sull’isola vanno progressivamente migliorando: la bassa pressione sullo Ionio è tecnicamente in fase di “colmamento” e continua a richiamare residue correnti di maestrale e nubi sui nostri