Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Giugno è stato fresco. Lo confermano i dati finali

Come previsto e prevedibile, viste le numerose incursioni d’aria fresca e le tante giornate di Maestrale, giugno ha lasciato in dote un profilo termico mensile più fresco del normale. Il modello americano CFSv2 lo conferma, mostrandoci gli scostamenti rispetto alla media trentennale di riferimento (1981-2010):

Le anomalie termiche del mese di giugno.

Le anomalie termiche del mese di giugno.

Le temperature, per quanto riguarda la Sardegna, sono state nella norma su tutta la fascia occidentale mentre sono risultare inferiori di 0.5-1°C nelle rimanenti zone. Gli scostamenti più pronunciati hanno coinvolto la parte settentrionale, in particolare l’arcipelago della Maddalena e le coste che dalla Gallura vanno al sassarese. Diciamo che mediamente ha fatto più fresco su larghi tratti dell’Europa occidentale, mentre il caldo ha colpito tutta la Mittleuropa. Si tratta di un bel capovolgimento di fronte rispetto alle poderose anomalie termiche positive dei mesi scorsi.

Previous Meteo, farà caldo in Sardegna e andrà in crescendo. Prospettive africane
Next Nuovi temporali e non solo all'interno

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Da novembre domina l’alta pressione, pazzesche anomalie

La carta a corredo dell’articolo, realizzata utilizzando la banca dati NCEP – NOAA, riporta le anomalie di geopotenziale alla quota di 500 hPa (circa 5500 metri) registrate dal 1 novembre

Clima

Prime 3 settimane di giugno molto calde: ecco quanto

Dopo aver riscontrato un andamento di maggio alquanto anomalo – l’articolo proposto ieri ci dava conferma del piazzamento in cima alla classifica dei mesi di maggio più caldi di sempre –

Clima

Ecco perché il Mediterraneo potrebbe scatenare violente tempeste

Finora l’estate del 2015 è balzata agli onori della cronaca per l’incessante ondata di caldo che sta investendo ampi tratti del continente europeo – soprattutto del comparto mediterraneo – ma i media – e non