Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Meteo peggiora, in arrivo nuovi temporali anche forti. Le zone più colpite

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 14 GIUGNO 2016
Il fulcro dell’alta pressione tende ulteriormente a spostarsi sull’Europa Occidentale ed anche la Sardegna verrà così raggiunta dall’intrusione di di qualche infiltrazione d’aria fresca dal Nord Europa che favorirà improvvisi temporali più probabili nelle ore più calde. Avremo così scenari favorevoli ad ulteriori acquazzoni in forma più diffusa, sebbene non sull’intera regione.

L’arrivo d’aria più fresca dai quadranti settentrionali potrà peraltro determinare un lieve calo delle temperature, che si assesteranno su valori prossimi alla norma. A seguire, da venerdì l’anticiclone tornerà a rafforzarsi, ma in modo temporaneo. Per il weekend non mancheranno nuove insidie, dovute a nuove infiltrazioni d’aria instabile. Eventuali acquazzoni risulterebbero più probabile su zone interne e montuose.

Il clima resterà nel complesso gradevole fino a ridosso di metà mese, con temperature prossime alla norma, poi potrebbe intervenire una fiammata africana con temperature in forte rialzo. Potrebbe trattarsi di un’ondata di calore breve, ma è presto per dirlo. Facciamo un passo indietro e vediamo ora più nel dettaglio l’evoluzione meteo per questi giorni a partire da oggi.

MERCOLEDI’ 8 GIUGNO
Bel tempo, ma con annuvolamenti imponenti pomeridiani a ridosso dei maggiori rilievi del Centro Sardegna, con possibili associati brevi temporali.
Temperature: senza apprezzabili variazioni.
Venti: deboli o localmente moderati occidentali, ma a prevalente regime di brezza nelle ore più calde.
Mari: poco mossi. Mossi sulle Bocche di Bonifacio e sulle coste occidentali.

sardegna-meteo-giugno-temporali-variabile

GIOVEDI’ 9 GIUGNO
Aumento delle nubi, che potranno originare rovesci e temporali più probabili e consistenti nelle ore più calde sui settori orientali, fin sulle coste.
Temperature: in calo nei valori massimi, tranne che sulla costa tirrenica.
Venti: si disporranno da ovest-nord/ovest moderati, con temporanei rinforzi.
Mari: mossi. Fino a molto mosso il Mare di Sardegna.

VENERDI’ 10 GIUGNO
Meteo in miglioramento, la giornata si presenterà prevalentemente soleggiata salvo annuvolamenti più consistenti nella prima parte della giornata.
Temperature: senza variazioni significative. In calo i valori diurni sulla costa est.
Venti: deboli settentrionali, ma con tendenza a divenire a regime di brezza.
Mari: da mossi a poco mossi.

SABATO 11 GIUGNO
Cielo sereno o poco nuvoloso, salvo velature innocue più consistenti sulle aree meridionali. Temporanei addensamenti cumuliformi pomeridiani in prossimità dei rilievi, ma senza fenomeni.
Temperature: stazionarie, o in leggero rialzo.
Venti: variabili, con tendenza a disporsi nord/occidentali.
Mari: poco mossi, tendenti a mossi sulle coste settentrionali e ad ovest dell’Isola.

TENDENZA PER I GIORNI SUCCESSIVI
Buone notizie per domenica, meteo soleggiato e gradevole. Potrebbero però aversi isolati temporali pomeridiani sull’interno a ridosso dei monti. Anche ad inizio settimana persisterà il bel tempo.

Previous Ci sono stati gli attesi temporali
Next Si avvicina aria fresca da nord: peggioramento meteo a un passo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Breve termine

Giovedì fresco e temperature in ulteriore calo

Come anticipato nell’editoriale dedicato alla previsione delle precipitazioni, l’evoluzione verso est della perturbazione permetterà all’aria fresca di gettarsi con maggiore decisione sulla nostra isola. Le temperature, già calate nelle ultime

Breve termine

In arrivo un’irruzione di aria fredda

Le condizioni meteo, dopo il peggioramento delle ultime ore, stanno registrando un parziale miglioramento. Miglioramento che sta coinvolgendo maggiormente i settori centro meridionali della Sardegna, peraltro tra i più colpiti

Previsioni

La prossima settimana il caldo sarà eccezionale

La prossima settimana salirà nuovamente e di gran carriera in cattedra il gran caldo africano con notevoli differenze “sinottiche” rispetto alla fase calda vissuta ininterrottamente da fine giugno. Se fino