Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Fitta nebbia, mattinata padana per Cagliari

Nella giornata di ieri, Cagliari e il suo hinterland (anche oggi) si sono svegliate sotto una fitta coltre di nebbia, sensazioni tipicamente padane fatte di silenzio e di tempo che scorre più lentamente.

Anche l’aeroporto di Elmas, come spesso accade in tali situazioni, ha subito forti disagi nei decolli e negli atterraggi, specie dalle 5.45 alle 9.30 circa, quando la visibilità a tratti è scesa sotto i 50 metri.

Ma come mai un risveglio dalle tinte invernali dopo un paio di giorni che raccontavano chiaramente di una primavera inoltrata? La causa è da ricercarsi proprio nell’afflusso di correnti piuttosto miti per il periodo che ha interessato la nostra Isola, di estrazione sub-tropicale africana, come risposta termica all’affondo freddo e perturbato nord atlantico in atto tra la Penisola Iberica e il comparto algero-marocchino.

Nebbia d’avvezione, appunto. Di cosa si tratta?

Si forma quando dell’aria calda e umida scorre per avvezione (movimento orizzontale dei flussi d’aria) sopra una superficie più fredda, nel nostro caso la terraferma (raffreddatasi nelle ore notturne), raffreddandosi a sua volta e provocando la condensazione del vapor acqueo in essa presente.

Il muro bianco si è spinto sino all’abitato di Monastir, sulla 131, e non oltre. La curiosità è stata che il cenro campidanese è stato il perfetto spartiacque tra tristi espressioni invernali e caldi sorrisi primaverili. Poche centinaia di metri ed è stato come prendere una macchina del tempo, sole luminosissimo e prati verdissimi, dietro di me non si scorgeva più traccia della fitta nebbia.

Di seguito, foto da me scattate dall’abitato di Sestu intorno alle 7.45.

Ci ritorneremo.

20160330235235

20160330235241

20160330235245

20160330235250

Previous Marzo chiude col grande caldo. Ultimissime sul peggioramento meteo d’aprile
Next Anticipo d'estate al culmine: arriveremo a 30°C?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Didattica

Cos’è in realtà l’afa? E si può misurare?

La risposta al 2° quesito è si, la possiamo misurare. Ma prima di addentrarci in dettagli un po’ più tecnici, dobbiamo spiegarvi – nel modo più semplice possibile – cos’è

Didattica

Che inversione termica dal radiosondaggio di Cagliari!

Oggi analizzeremo un fenomeno particolarmente ricorrente durante la stagione fredda ed in occasione di forti strutture di alta pressione: l’inversione termica. Noi tutti sappiamo che in condizioni normali in libera atmosfera

News

Che fine ha fatto l’anticiclone africano?

Vi ricordate questo articolo, LINK, di inizio agosto in cui si descriveva la sinottica di blocco meteorologico caratterizzata da una pronunciata ondulazione di Rossby estesa su buona parte dell’Europa? Ebbene, riprendiamo il