Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Fitta nebbia, mattinata padana per Cagliari

Nella giornata di ieri, Cagliari e il suo hinterland (anche oggi) si sono svegliate sotto una fitta coltre di nebbia, sensazioni tipicamente padane fatte di silenzio e di tempo che scorre più lentamente.

Anche l’aeroporto di Elmas, come spesso accade in tali situazioni, ha subito forti disagi nei decolli e negli atterraggi, specie dalle 5.45 alle 9.30 circa, quando la visibilità a tratti è scesa sotto i 50 metri.

Ma come mai un risveglio dalle tinte invernali dopo un paio di giorni che raccontavano chiaramente di una primavera inoltrata? La causa è da ricercarsi proprio nell’afflusso di correnti piuttosto miti per il periodo che ha interessato la nostra Isola, di estrazione sub-tropicale africana, come risposta termica all’affondo freddo e perturbato nord atlantico in atto tra la Penisola Iberica e il comparto algero-marocchino.

Nebbia d’avvezione, appunto. Di cosa si tratta?

Si forma quando dell’aria calda e umida scorre per avvezione (movimento orizzontale dei flussi d’aria) sopra una superficie più fredda, nel nostro caso la terraferma (raffreddatasi nelle ore notturne), raffreddandosi a sua volta e provocando la condensazione del vapor acqueo in essa presente.

Il muro bianco si è spinto sino all’abitato di Monastir, sulla 131, e non oltre. La curiosità è stata che il cenro campidanese è stato il perfetto spartiacque tra tristi espressioni invernali e caldi sorrisi primaverili. Poche centinaia di metri ed è stato come prendere una macchina del tempo, sole luminosissimo e prati verdissimi, dietro di me non si scorgeva più traccia della fitta nebbia.

Di seguito, foto da me scattate dall’abitato di Sestu intorno alle 7.45.

Ci ritorneremo.

20160330235235

20160330235241

20160330235245

20160330235250

Previous Marzo chiude col grande caldo. Ultimissime sul peggioramento meteo d’aprile
Next Anticipo d'estate al culmine: arriveremo a 30°C?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Didattica

Cieli solcati da cumuli: che significa?

Alzando lo sguardo verso il cielo è possibile scorgere, specialmente in vicinanza delle aree montuose, tantissimi ciuffi bianchi e vaporosi, dall’aspetto candido e assolutamente non minacciosi. Il messaggio che mandano

News

Villanova Strisaili e Orosei: oltre 15°C di differenza al risveglio!

L’influenza della moderata ventilazione occidentale, che ha soffiato costantemente durante tutta la notte scorsa con locali rinforzi fino a 50 km/h, e della particolare conformazione geomorfologica che caratterizza i settori

News

Inverno, che fine hai fatto? Ecco perché non fa freddo

Proviamo a spiegarvi, viste alcune richieste, in modo semplicistico le cause che stanno conducendo ad una stagione invernale insulsa. Per far ciò dobbiamo partire da lontano, precisamente dal Pacifico equatoriale.