Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

La concentrazione di CO2 in atmosfera a livelli record: è allarme

I dati più recenti (febbraio 2016) indicano che il livello di CO2 nell’atmosfera è al di sopra di 402,59 ppm. Il punto più rappresentativo, grazie a condizioni ottimali per le misurazioni di CO2, è situato proprio nell’osservatorio di Mauna Loa (ad un’altitudine di 3.400 metri) e fu il primo a segnalare nel marzo 2013 lo storico superamento della soglia di 400 ppm.

I valori del 2015 indicano per la quarta volta consecutiva un incremento superiore a 2 parti per milione. Ciò vuol dire che quanto accaduto l’anno scorso non è un evento isolato e secondo i responsabili del centro di rilevazione (NOAA) da centinaia di migliaia di anni i livelli di questo gas non è mai cresciuto così in fretta. L’ultima volta che l’atmosfera terrestre registrò un aumento significativo di CO2 risale a 17.000 anni fa.

Per quanto riguarda i primi 2 mesi del 2016 la concentrazione media mensile di CO2 ha superato la soglia simbolica di 400 ppm. Nel mese di febbraio, il livello era di 402,59 ppm.

Aumento-CO2

Previous Primi caldi di primavera nei prossimi giorni: ma non durerà
Next Negli ultimi 50 anni notti sempre più calde, più del giorno: perché?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Clima

Inizio ottobre all’insegna del caldo anomalo

C’è chi sostiene che il caldo, a ottobre, è normale. Beh, non è proprio così. Certo, statisticamente può accadere di avere periodi con temperature superiori alle medie stagionali, ma proprio

Clima

Ultimi 7 giorni decisamente più freschi. Netta inversione di trend

Dopo il caldo, furioso, registrato per tutto luglio e per buona parte della prima metà d’agosto, l’estate sembra voler prendere una piega diversa. La stagione è in fase d’invecchiamento e

Clima

CNR: ecco le aree più colpite dal cambiamento climatico

Il cambiamento climatico non è uguale in tutte le aree della Terra. Esistono infatti i cosiddetti “punti caldi” o “hot spot”, aree che si stanno riscaldando più rapidamente di altre e