Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Lunedì ciclone all’apice: sarà tempesta di vento

Stiamo per entrare all’interno di una crisi perturbata consistente. Probabilmente la più consistente dallo scorso autunno, quando l’ultimo ciclone che ci investì causò le ben note criticità idrogeologiche in molte aree dell’Isola. Anche stavolta, dobbiamo dirlo, potrebbero sussistere le condizioni per piogge talmente forti da creare allagamenti, non alluvioni.

Ciò detto, il ciclone che andrà a stabilirsi a ridosso della Sardegna raggiungerà il top lunedì mattina: la pressione al suolo a ridosso dell’Isola, potrebbe scendere sotto i 990 hPa. Ciò determinerà venti particolarmente violenti, specie sulle nostre province centro meridionali. Ci aspettiamo raffiche di burrasca, di tempesta, anche d’uragano. L’ultima emissione del nostro modello previsionale, in tal senso, è esplicativa:

Le raffiche di vento al suolo lunedì mattina.

Le raffiche di vento al suolo lunedì mattina.

C’è poco altro da aggiungere: le raffiche più intense potrebbero superare 120 km/h e diffusamente i 100 km/h, eccezion fatta per la fascia nordoccidentale.

Previous Oggi pioverà? Scopriamolo
Next Meteo perturbato fino a lunedì: grandi piogge e freddo. Bufera di vento

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Non se ne esce: anche oggi caldo infernale

L’abbiamo definito in vari modi: caldo infernale, caldo furiosi, canicola africana, forno africano. Scegliete voi la definizione che preferite, perché tanto il succo del discorso non cambia: c’è da soffrire.

Analisi Meteosat

Nubifragio a nord di Cagliari

Un violento temporale, accompagnato da frequenti fulminazioni nube terra e grandine (tradita dalla colorazione verdasta del muro di pioggia) ha abbordato i confini settentrionali di Cagliari e al momento interessa

News

Oggi il caldo si sposterà nuovamente a ovest

Ieri l’est, oggi l’ovest. Un caldo democratico, verrebbe da dire… Perché dopo aver sfruttato i venti occidentali per riscaldare abbondantemente la fascia orientale, oggi approfitterà dell’attenuazione degli stessi per riprendersi