Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Lunedì ciclone all’apice: sarà tempesta di vento

Stiamo per entrare all’interno di una crisi perturbata consistente. Probabilmente la più consistente dallo scorso autunno, quando l’ultimo ciclone che ci investì causò le ben note criticità idrogeologiche in molte aree dell’Isola. Anche stavolta, dobbiamo dirlo, potrebbero sussistere le condizioni per piogge talmente forti da creare allagamenti, non alluvioni.

Ciò detto, il ciclone che andrà a stabilirsi a ridosso della Sardegna raggiungerà il top lunedì mattina: la pressione al suolo a ridosso dell’Isola, potrebbe scendere sotto i 990 hPa. Ciò determinerà venti particolarmente violenti, specie sulle nostre province centro meridionali. Ci aspettiamo raffiche di burrasca, di tempesta, anche d’uragano. L’ultima emissione del nostro modello previsionale, in tal senso, è esplicativa:

Le raffiche di vento al suolo lunedì mattina.

Le raffiche di vento al suolo lunedì mattina.

C’è poco altro da aggiungere: le raffiche più intense potrebbero superare 120 km/h e diffusamente i 100 km/h, eccezion fatta per la fascia nordoccidentale.

Previous Oggi pioverà? Scopriamolo
Next Meteo perturbato fino a lunedì: grandi piogge e freddo. Bufera di vento

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Inverno, che fine hai fatto? Ecco perché non fa freddo

Proviamo a spiegarvi, viste alcune richieste, in modo semplicistico le cause che stanno conducendo ad una stagione invernale insulsa. Per far ciò dobbiamo partire da lontano, precisamente dal Pacifico equatoriale.

Curiosità

Gas serra in aumento e oceani sempre più acidi

Da un nuovo studio del Potsdam Institute for Climate Impact Research (Pik), pubblicato sulla rivista ‘Nature Climate Change’ emerge un fatto assolutamente allarmante: la rimozione artificiale della CO2 dall’atmosfera, attraverso sistemi

News

Caldo notturno: temperature fino a 10°C sopra la media!

La perturbazione responsabile del forte maltempo tra la Francia meridionale ed il centro nord Italia ha inviato masse d’aria calda sub tropicale in direzione della nostra isola dove sono aumentate