Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Sole e caldo fra domenica e lunedì. Poi calo termico, meteo peggiora

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 26 FEBBRAIO 2016
Si sta chiudendo una settimana caratterizzata inizialmente dal maltempo e dal clima anche un po’ fresco. In questo weekend la situazione va mutando, per la rimonta dell’anticiclone di matrice africana. Le temperature pertanto sono destinate ad aumentare bruscamente, con il clou fra domenica e lunedì. La rimonta d’aria calda verrà innescata da una depressione posizionata tra Iberia e Marocco.

Il caldo risulterà più anomalo in montagna e sarà quindi deleterio per l’innevamento comunque scarso presente sulle cime del Gennargentu. Nessuna illusione d’anticipo di primavera, in quanto il caldo si affievolirà rapidamente già a partire da martedì, sotto i colpi d’aria più fresca nord-atlantica. Cambiamento meteo che culminerà a metà settimana, quando potrebbe giungere un modesto impulso perturbato.

Il tutto sarà preludio di una nuova fase di meteo dinamico che si proietterà verso un fine mese da connotati più perturbato. Il meteo dell’ultimo weekend di febbraio si preannuncia pertanto perturbato, ma con clima inizialmente mite. A prevalere sarebbe infatti un richiamo di correnti umide sud/occidentali. Solo con l’inizio di marzo si potrebbero creare i presupposti per l’influenza d’aria più fredda proveniente da nord.

COSA ATTENDERCI NELLE NOSTRE ZONE
Sabato 20 febbraio condizioni meteo decisamente stabili, i cieli tenderanno a divenire sereni o poco nuvolosi. Venti ancora moderati o tesi di maestrale, ma in attenuazione verso sera. Temperature pressoché invariate, ci sarà un po’ freddo nelle ore mattutine.

Domenica 21 bel tempo e temperature in forte aumento, specie in montagna. Clima primaverile e foschie mattutine. Il vento, inizialmente ancora orientato da maestrale, tenderà a disporsi da scirocco in serata a partire dal sud dell’Isola.

Lunedì 22 aumenterà la nuvolosità, più compatta sui settori occidentali e settentrionali. Ulteriore aumento termico sul sud e sull’est dell’Isola. Punte fino a 23/24 gradi. Venti meridionali, in successiva rotazione serale da ovest.

22 Feb

Martedì 23 ampie schiarite alternate a nuvolosità irregolare, quest’ultima più consistente nella prima parte del giorno. Non sono attese precipitazioni. Temperature in lieve calo, ma clima mite. Venti di maestrale anche forti.

Mercoledì 24 prevalenza di bel tempo, ma con tendenza ad aumento delle nubi. Peggiora con possibili precipitazioni serali su zone settentrionali ed occidentali. Venti si disporranno da libeccio.

Tendenza meteo successiva: variabilità con qualche precipitazione, in attesa di un più ficcante peggioramento.

PREVISIONI METEO LUNGO TERMINE, IN BREVE
Possibile maltempo più acuto sul finire della prossima settimana e con riflessi ad inizio marzo, con aria più fredda che andrebbe a determinare il ritorno di neve sui rilievi. Trend meteo da confermare, data l’ampia distanza temporale.

Previous Fine febbraio, conferme di nuovo maltempo. Tendenza meteo inizio marzo
Next Anche stamattina da un po' freddo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Previsioni

Forte maestrale, poi peggiora. Super maltempo weekend, pioggia e neve

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 29 FEBBRAIO 2016 Volge subito al termine l’anticipo di primavera degli ultimi giorni, con il caldo anomalo in rapida attenuazione.Il ritorno delle temperature

Breve termine

Aria calda in arrivo: venerdì oltre 30°C. Ma anche tante nubi

Il Maestrale ha definitivamente abbandonato la nostra regione, fin da oggi avremo un cambio nella circolazione dei venti. Venti che gradualmente si disporranno dai quadranti meridionali, ci aspettiamo un rinforzo

Breve termine

Meteo più variabile, qualche acquazzone a metà settimana. Tendenza weekend

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 13 GIUGNO 2016 Nuove ondate di temporali colpiranno l’Italia, mentre la Sardegna verrà solo lambita. Il fulcro dell’alta pressione resterà infatti posizionato sull’Europa