Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

E’ stata una notte discretamente fredda

Siamo a febbraio ed è normale che faccia freddo, ma visto l’andazzo dell’inverno anche temperature minime inferiori a 5°C fanno notizia. A favorire la diminuzione termica notturna, oltre al maltempo dei giorni scorsi (con ingresso d’aria relativamente fredda), è stata l’inversione termica. I cieli a tratti sereni hanno consentito la dispersione del caldo diurno accumulato dal suolo.

Vi riportiamo alcuni dei dati più significativi registrati la scorsa notte partendo dalle rilevazioni ufficiali: Alghero e Decimomannu 4°C, Cagliari Elmas 6°C, Olbia Costa Smeralda 7°C.

Proseguiamo coi dati amatoriali della rete Sardegnaclima: Bruncuspina -3.4°C, Separadorgiu -0.2°C, Villanovatulo 0°C, Su Filariu 0.1°C, Fonni Massiloi 0.6°C, Barrali 1.8°C, Ollolai 2.4°C, Fonni e Asuni 2.6°C, Desulo 2.9°C, Decimoputzu 3.4°C, Tula e Tonara 3.8°C, Villasor 3.9°C, Sadali 4.2°C, Gavoi 4.4°C, Borore e Seui 4.5°C, Sestu 4.6°C, Ovodda 4.9°C.

Il Gennargentu visto dal Monte Lusei di Seui. Fonte seuimeteo.it

Il Gennargentu visto dal Monte Lusei di Seui. Fonte seuimeteo.it

Previous Il meteo è in miglioramento. Si va verso un weekend di primavera
Next Quanto farà caldo domenica? Si potrà andare al mare?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Cronaca

Caldo d’ottobre: si sfiorano i 35°C!

La perturbazione ad ovest della Sardegna continua ad inviare masse d’aria calda sub tropicale in direzione della nostra isola dove, oltre alle temperature che in queste ore stanno raggiungendo valori

Cronaca

Mediterraneo già fortemente più caldo della media!

Sono impressionanti le temperature marine superficiali che vengono registrate in questi giorni nel Mediterraneo a conferma che le premature ondate di calore di fine primavera e la continua stabilità anticiclonica

News

Torpè, scoperchiata la strada per far defluire le acque

Continua a piovere incessantemente a Siniscola e Torpé (Nuoro). In quest’ultimo paese, già colpito dalla precedente alluvione del 2013, le precipitazioni hanno fatto saltare alcuni canali tombati nelle vie del centro.