Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Risveglio più freddo, temperature minime crollate

Il Maestrale, come da previsione, ha soffiato furioso e ha portato con sé aria più fredda dal nord Atlantico. Inevitabile il calo, marcato, delle temperature minime. Un calo facilitato anche dall’attenuazione del vento e dalla scarsa presenza di nubi. Non dobbiamo stupirci, quindi, se in alcuni casi c’è stato un vero e proprio tracollo di oltre 10°C. Localmente abbiamo registrato temperature prossime allo zero, o comunque al di sotto di 5°C. Insomma, un normale clima invernale.

Ecco alcuni dei valori più significativi. Delle misurazioni ufficiali menzioniamo i 4°C di Perdasdefogu e 9°C Decimomannu, mentre le rilevazioni amatoriale della rete Sardegnaclima ci dicono che sul Bruncuspina la minima è stata di 5 gradi sotto zero, Fonni 0.9°C, Ollolai 1.3°C, Tonara 1.4°C, Desulo 1.6°C, Seui 2.7°C, Ovodda e Villanova Tulo 3.8°C.

Nubi basse sul Monte Muggianeddu di Tonara, dove il termometro resta inchiodato a 2°C. Fonte webcam tonarameteo.it

Nubi basse sul Monte Muggianeddu di Tonara, dove il termometro resta inchiodato a 2°C. Fonte webcam tonarameteo.it

Previous Freddo e vento, occhi puntati al meteo del weekend: arriverà la pioggia?
Next Meteo Febbraio: le ultime linee di tendenza

About author

Potrebbe piacerti anche questo

News

Caldo maestrale notturno: i dati della notte

Il primo ingresso del maestrale, dopo un’intensa avvezione di aria calda, è immaginabile come un vero e proprio fohn che spara l’aria arroventata e secca accumulatasi nei bassi strati dalle nostre

News

Ondata di caldo: superati ieri i 40°C!

A 48/72 ore dall’evento la previsione di locali picchi di 39°C/40°C poteva sembrare azzardata, sia per la diminuita insolazione nel mese di settembre che per la presenza di nuvolosità medio

Cronaca

Risveglio con 2°C a Villanova Strisaili! I dati della notte

Iniziano a farsi sentire gli effetti dell’aria fredda polare in ingresso nel Mediterraneo e, complici le schiarite notturne sempre più ampie, i termometri sono letteralmente crollati raggiungendo in taluni casi