Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

C’è ancora tanta umidità, nonostante il vento

La giornata di ieri, domenica 31 gennaio, è stata caratterizzata da una ventilazione occidentale sostenuta. Vento che ha portato anche una discreta copertura nuvolosa, ma in un contesto d’assenza di precipitazioni e di clima primaverile. Alla fin fine, pur suggerendoci un imponente cambiamento non distante dalla Sardegna, il meteo non è che abbia subito troppe variazioni. Stamane, ad esempio, persistono nubi basse e locali banchi di nebbie eccezion fatta per le nostre coste. Praticamente osserviamo annuvolamenti in zone interne, valli, grandi piane, mentre lungo i litorali splende un bel sole. Va detto che la residua ventilazione occidentale tende a sospingere nubi marittime a ridosso dei rilievi esposti a occidente. Questi annuvolamenti tenderanno a dissolversi nelle prossime ore, quando torneremo ad osservare cieli in prevalenza sereni o poco nuvolosi.

Fonte immagine Sat24, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Fonte immagine Sat24, rielaborazione grafica a cura della Redazione del Meteo Sardegna.

Previous Metà settimana prossima: crollo temperature, soprattutto le minime
Next Altra giornata a 20°C, prima dell'atteso cambiamento meteo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Cronaca

Sopra i 30°C su Sardegna meridionale ed orientale

Come da attese, nonostante il diffuso calo delle temperature rispetto al pomeriggio di ieri, persiste un pò di caldo secco, complice il riscaldamento adiabatico da orografia che subiscono le deboli

Cronaca

Frequenti fulminazioni notturne su centro nord dell’Isola

Dopo i piovaschi e le deboli piogge sparse di ieri, sul finire della giornata si sono intraviste fulminazioni relativamente frequenti. Molti di voi le avranno certamente notate, perché localmente illuminavano

News

Ieri, oltre 225000 fulmini nel Mediterraneo

E’ bastata la prima goccia fredda di una certa importanza immersa in un Mediterraneo fortemente sopra media termica, come più volte abbiamo analizzato nel corso dell’estate, per innalzare a livelli allarmanti