Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Siccità: situazione drammatica anche in agricoltura

Inevitabilmente si sta rivolgendo l’attenzione agli usi civici della risorsa acqua, ma molti trascurano l’importanza della stessa per il nostro comparto agricolo. La Sardegna è terra d’agricoltura, da sempre, e vede nell’acqua una fonte imprescindibile per guadagni futuri. Non possiamo, quindi, non preoccuparci dopo aver appreso delle difficoltà dei nostri agricoltori. I bacini allo stremo, specie nella Nurra, stanno mettendo a serio rischio le “primizie” stagionali.

Dobbiamo metterci nei panni degli agricoltori, certo, ma dobbiamo metterci anche nei panni dei consorzi. Fornire l’acqua, di questi tempi, è impresa ardua. Rischia di diventare una “mission impossible”. Non pioverà sino ai primi di febbraio, ciò significa che la siccità continuerà ad attanagliarci e che i rubinetti delle campagne si chiuderanno sempre più. C’è chi sta pensando, giustamente, di rinunciare alle semine e quindi all’intera stagione agricola. Troppi i rischi da caricarsi sul groppone. E come non essere d’accordo? A prescindere dalla qualità della rete di distribuzione, è innegabile che la cronica carenza di pioggia rischia di fiondarci in un futuro ancor più fosco.

Pensiamoci, quindi, ogni volta che a sentir pronunciare le parole “sole, bel tempo, caldo” esclamiamo “che bello! Speriamo continui così…”.

agricoltura sardegna

Previous Oggi mite, con punte di 19-20°C: è normale? Assolutamente no
Next Diretta meteo: si sfiorano 19°C!

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Curiosità

Sole e caldo: in Sardegna Babbo Natale arriva col surf

Singolare e simpatica iniziativa quella organizzata ieri pomeriggio da una trentina di appassionati di surf del circolo Eolo di Torregrande che hanno sfilato davanti a decine di curiosi lungo il litorale

Cronaca

Ieri grandi piogge: vediamo un po’ di accumuli

Prendiamo in considerazione i dati ufficiali, registrati sia dalla rete del CEDOC che dall’ARPAS. Diciamo subito che le precipitazioni più abbondanti hanno coinvolto i settori orientali, in particolare la fascia

Cronaca

Caldo maestrale: registrate temperature minime estive!

Come da attese, le prime raffiche di maestrale si stanno rivelando particolarmente miti poichè accompagnate da masse d’aria mite oceaniche notevolmente riscaldate dall’attraversata dell’arco alpino (riscaldamento favonico). Gli effetti al