Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Riparte la corsa ai 20°C! Clima mite di primavera

Dopo aver assaggiato qualche giorno di freddo e nulla più, si torna alle condizioni meteo climatiche registrate sino a metà gennaio: Anticiclone, sole, nebbie, nubi basse e soprattutto clima mite. Brutte notizie per gli amanti dello scii: il rialzo termico si percepirà anche in quota e la neve andrà decisamente in sofferenza. Anche sulle cime più elevate del Gennargentu.

Già oggi le temperature massime si orienteranno ancor di più su frequenze primaverili: localmente si potrebbero raggiungere picchi di 17-18°C. Dove? Probabilmente nell’agro di Olbia e nel Sarrabus, ma si andrà oltre 16°C anche in alcune zone del nuorese, nelle grandi piane, in qualche tratto del Campidano e in alcune zone costiere del Sulcis Iglesiente.

Ciò che preoccupa è che anche sui rilievi avremo valori massimi prossimi o addirittura superiori a 10°C. Ed è per questo che vi abbiamo detto che anche sulle maggiori cime dell’Isola vedremo la neve andare in forte sofferenza.

Le temperature massime di oggi.

Le temperature massime di oggi.

Previous Meteo dominato dall'Anticiclone: la previsione per oggi
Next Meteo febbraio: le proiezioni del modello americano mettono i brividi!

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Sotto la lente

Crollo delle temperature venerdì: tornerà un po’ d’inverno

Nei primi articoli di giornata abbiamo fatto riferimento all’estrema dinamicità primaverile e al fatto che improvvisi ribaltoni meteo rappresentano la normalità. Non stupiamoci, quindi, se dal caldo passeremo al freddo.

Sotto la lente

Giovedì 02 giugno potrebbe scapparci qualche temporale

Domani, festa della Repubblica, avremo qualche disturbo meteo in più. L’azione della perturbazione a ridosso delle Alpi, lo abbiam detto ma lo ripetiamo, sta diventando più incisiva. Non ci aspettiamo alcun

Sotto la lente

Da venerdì maestrale in attenuazione

Il progressivo allontanamento della bassa pressione verso lo Ionio e l’Egeo e la contemporanea rimonta anticiclonica da ovest determineranno a partire dalla giornata di domani un progressivo riassorbimento del gradiente