Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Freddo e neve nel weekend: poi cosa succederà?

Le manovre in via di realizzazione furono individuate circa 2 settimane fa. All’epoca, analizzando indici climatici d’imprescindibile importanza, vi dicemmo che il freddo – artico – sarebbe arrivato a metà mese. Così sarà. Non ci soffermammo sui dettagli – la previsione va eseguita 3-4 giorni prima dell’evento – e non lo faremo neanche oggi.

Oggi cercheremo di capire quel che potrebbe accadere dopo l’irruzione. La comunità dei meteo appassionati è in fermento perché i modelli, chi più chi meno, piazzano una vigorosa rimonta anticiclonica subito dopo il freddo. Detto che statisticamente potrebbe starci, a nostro avviso è ancora troppo presto. Alcuni elementi ci dicono che il nucleo gelido in isolamento sull’Europa orientale potrebbe, qualora il Vortice Canadese non scegliesse la via dell’Atlantico centrale, sfruttare il blocco anticiclonico oceanico per inviarci nuovi impulsi gelidi da est.

Trattandosi d’ipotesi minoritaria, vediamo quel che potrebbe accadere a cavallo tra l’ultima decade di gennaio e la prima di febbraio. Le dinamiche emisferiche suggeriscono ulteriori apporti disturbi a carico del Vortice Polare. Stavolta la pulsazione calda potrebbe partire dal comparto euro-asiatico, costringendo il trottolone gelido a una nuova rotazione in senso meridiano.

Tra l’altro sembrerebbe poter permanere una buona trasmissione d’onda, in quanto gli indici climatici rimarrebbero su terreno favorevole: AO in risalita ma sempre negativo o prossimo alla neutralità, NAO tendente anch’essa alla neutralità, PNA costantemente positivo. Se consideriamo che ci si avvia verso l’ovvia destabilizzazione stagionale del Vortice Polare, tali elementi ci inducono a ritenere probabili nuove irruzioni fredde nel periodo d’analisi e irruzioni che potrebbero assumere anche componente decisamente continentale. Staremo a vedere.

 

41918_1_1

Previous Freddo artico e neve, quanto dureranno? Le ultime novità meteo
Next Temperature giù, Maestrale. Sole, in attesa del maltempo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Sotto la lente

Oggi gran caldo anche nelle zone interne

Se ieri avevamo rimarcato picchi di calore più probabili sui settori ovest, oggi dobbiamo evidenziare la propagazione del caldo anche nelle zone interne. I termometri si porteranno verso quota 35°C

Sotto la lente

Importanti novità sulle piogge delle prossime ore

L’ultima emissione del nostro modello matematico ci mostra importanti variazioni nella distribuzione delle precipitazioni pomeridiano-serali. Se è vero che stamane avevamo ipotizzato un maggiore interessamento della fascia meridionale, ora sembrerebbe

Sotto la lente

Oggi prime, consistenti nubi pomeridiane

E’ da giorni che, a ragion veduta, si parla dei possibili temporali “scaccia afa”. Detta così, alla luce del sole prevalente dell’ultimo periodo, sembrerebbe un’invenzione ma se si dovesse osservare