Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Freddo invernale: crescono le quotazioni per metà gennaio

E’ da giorni che stiamo seguendo un’ipotesi, per ora ancora tale, che contempla l’arrivo del vero inverno anche sul bacino del Mediterraneo. Le dinamiche sono state ampiamente descritte, ma forse occorre far chiarezza su ciò che potrebbe accadere perché l’argomento richiede tecnicismi non sempre comprensibili. Ciò che possiamo dirvi è che il trottolone gelido polare, responsabile dell’andamento meteo climatico di novembre e dicembre, sta andando in crisi. E’ vero, riprenderà un po’ di vigore subito l’Epifania, ma così come già avvenuto in precedenza a tale azione corrisponderà una reazione. E quale sarà questa reazione? Beh, sembra proprio che dai piani bassi dell’atmosfera – sull’Oceano Pacifico – stia per partire una nuova rimonta anticiclonica diretta verso l’Artico. L’inserimento d’aria calda a così alte latitudini, lo ripetiamo, non può far altro che disturbare il Vortice Polare.

Vortice che oltre a modificare la propria struttura, non più sferica come i mesi scorsi, dirotterà un nucleo d’aria gelida verso l’Artico Russo. Così facendo andrà a liberare quella porzione d’Atlantico che attualmente è ricca di Depressioni e lo spazio libero potrebbe essere occupato di una fulminea rimonta anticiclonica azzorriana. Sapete che vuol dire? Che qualora dovesse formarsi un muro altopressorio lungo i meridiani, l’aria molto fredda succitata potrebbe muoversi in direzione sud. L’obbiettivo principale stavolta potrebbe essere rappresentato proprio dal cuore del Mediterraneo ed è ciò che possiamo osservare in questa mappa emisferica:

Long

Si tratta della disposizione delle Alte e Basse Pressioni su tutto l’emisfero settentrionale. Osservandola con attenzione si riscontrano i movimenti descritti: onda calda dal Pacifico verso il Polo (tra l’altro con probabile formazione dell’Alta Polare), migrazione del gelo verso l’Artico Russo e successiva elevazione dell’Alta delle Azzorre. Vedete dove andrà finire l’aria fredda? Sul Mediterraneo. Ora, è vero che è un’ipotesi, ma è altrettanto vero che da alcuni giorni i più importanti modelli di previsione ci mostrano queste dinamiche. Non è detto che il freddo debba per forza arrivare in Sardegna, ma di certo stanno crescendo le probabilità in tal senso. Poi, se qualcuno vorrà continuare a negare l’evidenza sarà affar suo. Le carte non mentono.

Previous Arriva l'altra perturbazione: piogge verso Porto Torres
Next Le piogge si trasferiscono nel sud Sardegna. Anche su Cagliari

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Breve termine

Meteo, in arrivo qualche acquazzone. La tendenza per la prossima settimana

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 9 GIUGNO 2016 Il maltempo che imperversa sul comparto centrale del Continente e su parte dell’Italia non riesce a sortire alcun effetto in

Lungo termine

All’orizzonte una nuova parentesi di temporali pomeridiani

Le condizioni meteorologiche, dopo il break temporalesco pomeridiano delle ultime 48 ore, sono migliorate velocemente e sensibilmente: l’instabilità si è esaurita e le temperature sono in progressivo aumento con termometri

Previsioni

Sabato gran caldo e possibili primi temporali

Interessante configurazione sinottica attesa nella giornata di domani. Come si evince dall’elaborazione grafica su base ECMWF-GFS, la nostra isola si troverà ancora all’interno del flusso sub tropicale attivato dal motore