Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Quando arriverà la neve a bassa quota in Sardegna?

Diciamo subito che le perturbazioni attese nei prossimi giorni – la prima, incisiva transiterà nel fine settimana – riporteranno un po’ di neve sul Gennargentu. Probabilmente nevicherà oltre i 1200-1400 metri, non più giù. La matrice dell’aria in arrivo è nord atlantica: non mite, ma neppure troppo fredda. Sicuramente sarà carica d’umidità e per questo piuttosto instabile.

In tanti si staranno domandando, lecitamente, quand’è che la neve sceglierà di rompere gli indugi anche a quote inferiori. Diciamo che almeno sino al 10 gennaio tale ipotesi è da escludere. Dopo, invece, le probabilità potrebbero crescere rapidamente. Ora vi spieghiamo il perché, ma prima di addentrarci nella discussione ci teniamo a sottolineare che quanto si sta per scrivere non rappresenta una previsione. Si tratta di una linea di tendenza scaturente dall’attenta analisi di alcuni indici climatici.

Come ben saprete dicembre è stato segnato da una poderosa anomalia meteo climatica: una delle cause è certamente il Vortice Polare (il trottolone gelido che staziona al Polo Nord) che ha trattenuto a sé tutto il gelo invernale. Avendo campo libero, le Alte Pressioni sono state in grado di stazionare facilmente alle medie latitudini. Ultimamente alcuni disturbi (pulsazioni d’aria calda verso le alte quote) hanno destabilizzato il Vortice: l’ultima, tutt’ora in atto, è quella che sta dando luogo al cambio circolatorio e all’interruzione del dominio anticiclonico. Ora, per capire quel che potrebbe succedere più in là nel tempo dobbiamo dirvi che un terzo impulso d’aria calda – stavolta in partenza dal Pacifico – potrebbe raggiungere il Polo Nord. A quel punto ecco che il Vortice sarebbe costretto a migrare dall’Atlantico verso il comparto continentale euro-asiatico.

Nel trasferimento si avrebbe inizialmente una rimonta anticiclonica nord africana sulla nostra isola, in seguito potrebbero intervenire vari impulsi freddi artici capaci di portare maltempo e nevicate a bassa quota. Impulsi che potrebbero raggiungerci perché il terzo impulso d’aria calda dovrebbe innescare non soltanto lo spostamento del Vortice, ma anche una spinta dell’Alta delle Azzorre verso nord. E quando l’Alta delle Azzorre va verso la Groenlandia, o il Regno Unito, ecco che le irruzioni fredde sono facilitate nei movimenti meridiani. Insomma, l’inverno con la I maiuscola potrebbe farsi vedere attorno a metà gennaio.

Prospettive di freddo Artico dopo il 10 gennaio?

Prospettive di freddo Artico dopo il 10 gennaio?

Previous 2015 al termine: il meteo cenone e feste in piazza
Next Ma dicembre, in Sardegna, è stato davvero caldo?

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Previsioni

Venerdì e sabato il clou del caldo: 40°C ed oltre!

Nei prossimi due giorni il flusso sub tropicale attivato dal motore depressionario atlantico farà letteralmente la voce grossa stringendo in una morsa bollente il Mediterraneo, gran parte dell’Europa e la

Previsioni

Picco di caldo giovedì e venerdì, poi calo termico ma…

Dalle prossime 24 ore si entrerà nel vivo della nuova ondata di calore, tecnicamente definita pre frontale poichè precede il transito di un fronte freddo, che raggiungerà il clou nelle

Lungo termine

Gelo russo avanzerà verso l’Europa. Inverno più vicino

Tempo fa, trattando l’argomento, vi dicemmo che per poter sperare in una svolta invernale fulminea vi sarebbe stata la necessità del “congelamento” del comparto russo-siberiano. Ipotesi che prendemmo in considerazione