Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Perché è così difficile prevede il gelo russo?

E’ da giorni, giustamente, che si parla della possente ondata di gelo che sta per investire l’Europa orientale. E’ da giorni che seguiamo costantemente i modelli per capire se e quanto potrà influenzarci. Bene, uno degli assunti meteorologici che ben conoscono gli esperti del settore è che niente è scontato. Partiamo da un punto fermo: nell’emisfero settentrionali la normale circolazione atmosferica prevede un’asse direzionale orientato da ovest verso est. Per intenderci: le perturbazioni atlantiche arrivano da ovest e sfilano ad est. Ma può capitare che per svariati motivi tale impianto subisca modifiche. Significa che in particolari condizioni l’atmosfera cambi direzione e le masse d’aria si muovano da est in direzione ovest. Questo è quello che in gergo definiamo “moto retrogrado”.

Accade, ad esempio, quando grandi alte pressioni si trasferiscono sul Circolo Polare Artico innescando colate d’aria gelida verso la Russia. A quel punto, sfruttando il posizionamento degli anticicloni, tali masse si muovono verso ovest valicando gli Urali e raggiungendo l’Europa. Apparentemente è tutto semplice, ma ricordatevi che non è la dinamiche usuale ed è per questo che anche minimi particolari incidono sulla distribuzione del gelo nel Continente europeo.

A breve la massa d’aria gelida che invaderà l’Europa orientale punterà verso nord e andrà a sostituire l’Anticiclone Scandinavo. Ma come mai un cambio così drastico di traiettoria? Non sarebbe stato più semplice puntare l’Italia? Teoricamente si, ma ad ovest dobbiamo tener conto delle perturbazioni atlantiche e saranno perturbazioni molto grosse destinate a riprendere la via del Mediterraneo. Se è vero che le correnti miti oceaniche non potranno progredire verso est – perché troveranno l’ostacolo rappresentato dall’aria gelida russo scandinava – è altrettanto vero che l’aria mite verrà costretta a piegare sull’Italia. Si verrà a creare una miscela esplosiva che apporterà maltempo consistente ed ecco che si spiega facilmente il ritorno delle tanto agognate precipitazioni.

La mappa che alleghiamo sintetizza quanto scritto e non preoccupatevi, non è così complicato come appare. Si tratta delle direzione e dell’intensità delle correnti ad alta quota. Si evince facilmente come quelle atlantiche puntino il Mediterraneo, scendendo quindi in latitudine, a causa del blocco d’aria gelida in Scandinavia.

Le correnti ad alta quota: la circolazione atlantica sarà molto forte ma verrà costretta a transitare a basse latitudini a causa del blocco gelido in Scandinavia.

Le correnti ad alta quota: la circolazione atlantica sarà molto forte ma verrà costretta a transitare a basse latitudini a causa del blocco gelido in Scandinavia.

Previous Alta Pressione al capolinea: prime piogge nella notte di Capodanno?
Next E' stato un pomeriggio primaverile, ma ora scende il freddo

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Didattica

Scie chimiche in cielo? No semplici cirri dovuti a …

Questa mattina i cieli della Sardegna potrebbero offrire spunti a chi è sostenitore delle teorie di “manipolazione climatica” o “guerra meteorologica” e far gridare alle cosiddette “scie chimiche”. Qualche giorno

Didattica

Perchè di sera aumenta l’umidità?

L’umidità è la quantità di acqua o vapore acqueo contenuta nell’atmosfera e in meteorologia esistono tre modi per rappresentarla: L’umidità assoluta è la quantità di vapore acqueo espressa in grammi contenuta in un

Didattica

Afa: un altro metodo di misura

Ieri, iniziando l’argomentazione sull’afa attesa, abbiamo dedicato un approfondimento didattico sulla misurazione delle temperature percepite dal nostro organismo. Ci si è soffermati su alcuni concetti essenziali: dall’umidità relativa, all’indice di