Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Quando arriverà l’agognato Inverno? Qualcosa si muove…

Lasciamo perdere mappe e quant’altro (anche se è vero che i modelli capaci di spingersi più in là nel tempo iniziano a fiutare qualcosina), focalizziamo invece l’obbiettivo sulle dinamiche atmosferiche. Partiamo dal solito fatto assodato: lo strapotere del Vortice Polare. E partiamo da una seconda constatazione: nei giorni scorsi c’è stato un primo disturbo. Ma disturbo di che natura? Beh, chi segue i nostri articoli lo saprà, ma lo ricordiamo: dell’aria calda, sospinta in quota dall’Alta Pressione del Pacifico, è giunto ai piani alti atmosferici. Lassù dove domina il trottolone gelido impazzito. Ma cos’è successo? E’ successo che il caldo ha incattivito ulteriormente il Vortice, che non sopportando lo smacco ha deciso di approfondirsi ancora girando a velocità maggiori.

Sapete dove sta andando a parare l’approfondimento? In Atlantico. E sapete cosa vuol dire? Che andrà a risucchiare aria calda innescando l’elevazione di un possente anticiclone oceanico in seno all’Europa. E’ probabile, questo dicono le mappe previsionali, che la spinta anticiclonica sia così forte da portarne una parte in Scandinavia. Ed qui che dobbiamo guardare per identificare una possibile via d’uscita. Se dovesse strutturarsi una cellula d’Alta Pressione a così alte latitudini potrebbe destabilizzare il Vortice, dirottando un nucleo gelido verso il comparto russo-siberiano. Tale dinamica potrebbe, il condizionale è d’obbligo, condurre allo sviluppo di un’altra struttura anticiclonica: quella russa. L’Alta Russa ha la capacità di cambiare la traiettoria delle correnti atlantiche, spingendole sovente verso il Circolo Polare Artico. Se così fosse, ecco che il Vortice Polare andrebbe incontro ad un processo di ulteriore destabilizzazione e a quel punto si che l’inverno potrebbe piombare alle medie latitudini.

Capite bene che i passaggi da seguire sono tanti, forse troppi. Dovrebbe incastrarsi al posto giusto molti tasselli, ma non è detto che non succeda. L’ipotesi alternativa, la peggiore, è che il Vortice Polare riesca ad assorbire anche il secondo disturbo e a quel punto si rischierebbe di arrivare all’ultima decade di gennaio con l’Anticiclone.

ecmwf10f240

Previous Microclimi di Sardegna: all'alba si va dai -3°C di Giave ai 15°C di Pula!
Next Al via la settimana di Natale, ma in Sardegna si toccano i 21°C!

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Breve termine

Martedì le prime piogge, possibili anche dei temporali

Dopo l’ennesima parentesi mite dell’autunno, ci apprestiamo ad affrontare un repentino cambio di scenario. Come evidenziato stamane nella consueta analisi satellitare, l’interazione tra masse d’aria diametralmente opposte sfocerà in un

Breve termine

In arrivo una calda notte sul sud Sardegna

La prossima notte vedrà l’ingresso di masse d’aria sub tropicale sempre più calde con isoterme a 1500 metri che sfioreranno i 25°C sul sud dell’isola. Le temperature minime notturne sul

Previsioni

Sardegna senza acqua: piogge rimandate a gennaio

Il report pluviometrico presentato nella giornata di ieri, ripreso quest’oggi anche da UnioneSarda, riporta in tutta la sua drammaticità l’eccezionale siccità che da mesi attanaglia la Sardegna. Se si eccettuano