Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Sardegna senza acqua: piogge rimandate a gennaio

Il report pluviometrico presentato nella giornata di ieri, ripreso quest’oggi anche da UnioneSarda, riporta in tutta la sua drammaticità l’eccezionale siccità che da mesi attanaglia la Sardegna. Se si eccettuano le precipitazioni a macchia di leopardo e a carattere di nubifragio occorse nell’isola sporadicamente durante l’autunno, specialmente in prossimità delle aree costiere e lontano dai bacini di raccolta, non piove in maniera diffusa dalla scorsa primavera. La maggior parte delle stazioni isolane ha accumulato in questa prima metà di dicembre meno di 5 millimetri in quello che, stando alle medie climatologiche, dovrebbe essere tra i mesi più piovosi dell’anno e purtroppo, stando alle ultime emissioni modellistiche confortate dall’andamento teleconnettivo atteso nei prossimi giorni, la situazione non si sbloccherà prima di gennaio. Chi ha annunciato un pò troppo frettolosamente, e anche senza cognizione di causa, repentini riscaldamenti stratosferici in grado di proiettare il Mediterraneo centrale nel gelo e nella neve entro Natale dovrà ricredersi perchè, in realtà, sulla verticale del Polo è in atto da settimane un intenso raffreddamento stratosferico che progressivamente si sta propagando verso la troposfera al punto da rinforzare incredibilmente il vortice polare. Si attende infatti un’impennata dell’Ao index (indice teleconnettivo che traduce lo stato di salute del vortice polare) fino a +4 entro il 20 del mese, come non si vedeva da tempo e come si evince dall’elaborazione grafica riferita al 22 dicembre. Un valore molto elevato che, unito al Nao index positivo e al Pna negativo, conferma quanto affermato nell’editoriale teleconnettivo del 26 novembre (prima metà d’inverno mite e asciutta?): il vortice polare continuerà a girare a palla, supportato da intense correnti zonali che spazzeranno le medio alte latitudini, dove scorreranno indisturbate le perturbazioni, ma alimenteranno dinamicamente le spinte verso i paralleli di estese strutture anticicloniche foriere di tempo stabile e assenza di precipitazioni. A meno di (improbabili) gocce fredde in isolamento nel Mediterraneo sul finire del mese, sarà meglio mettersi l’animo in pace e attendere un cambio circolatorio a gennaio pensando bene a come gestire la poca acqua a disposizione.

z500_156

Previous Nubi e piovaschi: oggi meteo un po' uggioso
Next Incredibile ondata di caldo a due passi dalla Sardegna

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Breve termine

Dopo bufera, altre perturbazioni. Maltempo nel weekend, poi meteo invernale

EVOLUZIONE 7 GIORNI: PREVISIONI METEO SINO AL 16 FEBBRAIO 2016 Una bufera di vento accompagna il secondo peggioramento meteo dopo quello domenicale.Piogge si avranno ancora nelle prime ore di mercoledì,

Previsioni

Domenica mite ma con qualche nuvola

Domenica in compagnia della stabilità garantita dall’anticiclone, tuttavia, complice l’ingresso di deboli correnti al suolo di scirocco, messe in moto da blande circolazioni depressionarie sui settori occidentali del Mediterraneo, la giornata

Lungo termine

Week end con rischio rovesci e temporali?

L’evoluzione e lenta dissoluzione della perturbazione verso la penisola balcanica sarà seguita da una rimonta ed espansione dell’anticiclone delle Azzorre verso l’Europa centrale ed occidentale. Tuttavia le massime condizioni di