Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Natale al caldo? La causa è in Atlantico, a ridosso delle Azzorre

Sappiamo che sul finire della settimana si realizzerà l’ennesima rimonta anticiclonica africana e sappiamo che giungerà aria assai mite – se non addirittura calda – di matrice sahariana. Sappiamo anche che la colpa è del Vortice Polare, che quest’anno ci sta mostrando uno stato di salute a dir poco invidiabile. Ma volendo spiegare il tutto con maggiore semplicità, spostiamoci sulle Azzorre e proviamo a capire cosa sta avvenendo a livello di circolazione atlantica.

La figura che vi mostriamo è una fotografia della situazione barica di sabato scorso (12 dicembre): scorgiamo un lungo canale impregnato d’umidità al cui interno scorrono una serie di depressioni (aree cicloniche o basse pressioni) con particolari caratteristiche.

 

Depressioni

La numero 1 è la più debole delle tre, è di natura subtropicale ed è male organizzata. La numero 3 (collocata a nord-est delle Azzorre), era anch’essa debole ed è riuscita appena a scalfire la resistenza anticiclonica. La più interessante è la numero 2 ed è una tempesta subtropicale che ha subito un processo di intensificazione nel passaggio sulle Azzorre laddove si è verificata un’intensa ondata di maltempo.

Nell’analisi dei fronti al suolo (è fotografata la situazione attuale) è possibile evincere un’Atlantico preda di profonde depressioni da nord a sud. Questa attività ciclonica avrà ripercussioni – assolutamente deleterie – su tutto il bacino del Mediterraneo: la formazione di un’intensa avvezione di aria calda subtropicale. Per farla breve: le dinamiche atmosferiche sul Nord Atlantico e sull’Europa occidentale continueranno a sottoporre le Azzorre al passaggio di tempeste più o meno consistenti, mentre noi e i cugini iberici continueremo ad affrontare un tipo di tempo atmosferico dai connotati vagamente estivi…

Analisi al suolo per la giornata di oggi.

Analisi al suolo per la giornata di oggi.

 

Previous Siccità in Sardegna: dicembre peggio di novembre - I DATI
Next Sardegna, resistono i poli di gelo nell'interno

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Didattica

Perché “cielo a pecorelle”? Che nuvole sono?

E’ un detto che appartiene ad una delle credenze meteo più popolari: “cielo a pecorelle, acqua a catinelle”. Dobbiamo dirvi che tali detti hanno sempre un qualcosa di vero, soprattutto nel

Didattica

Spettacolari nubi sui cieli della Sardegna

Oltre agli annuvolamenti, a tratti compatti, che stanno dando luogo a pioviggini o deboli piogge tra la fascia occidentale e il cagliaritano, lo spaccato satellitare ci consente di apprezzare delle

Didattica

Il terribile complesso convettivo a mesoscala

Certo che imbattersi in una delle temibilissime supercelle temporalesche americane dev’essere un’esperienza tanto paurosa quanto affascinante. Figuriamoci se a catturare la nostra attenzione fosse quello che gli esperti definiscono “Complesso