Previsioni Meteo

Sassari | Nuoro | Cagliari | Oristano | Olbia | Tempio Pausania | Lanusei | Tortolì | Sanluri | Villacidro | Carbonia | Iglesias

Sardegna, nelle ultime 24 ore caduti oltre 8000 fulmini

L’evento meteo accaduto tra ieri pomeriggio e le prime ore odierne sulla Sardegna orientale, sebbene caratterizzato da accumuli complessivamente oscillanti attorno a 40 mm (con picco estremamente localizzato nell’area di Barisardo) deve assolutamente farci riflettere sull’enorme quantitativo di energia che i nostri mari hanno ancora in magazzino nonostante ci avviamo alla fine della prima decade di dicembre. Anomalia energetica chiaramente indotta dal perdurare di condizioni anticicloniche foriere di costanti sovra media termici che inevitabilmente allungano la stagione dei temporali anche a dicembre inoltrato. Per intenderci le condizioni termiche, sia atmosferiche che marine, sono assolutamente paragonabili al mese di novembre. A conferma di quanto appena detto, i temporali che ieri hanno abbordato le coste isolane hanno prodotto ben 8000 fulmini, valore assolutamente anomalo per questo periodo dell’anno che, statisticamente, dovrebbe essere caratterizzato da moti convettivi meno accentuati per via del fisiologico raffreddamento atmosferico, fattore questo che sta venendo a mancare pericolosamente.

Untitled 1

Previous Ecco il Vortice che sta causando i temporali
Next Prima del freddo servono le piogge

About author

Potrebbe piacerti anche questo

Analisi Meteosat

Forti rovesci e fulminazioni in diretta: al via il pomeriggio temporalesco!

Pomeriggio temporalesco al via, con rovesci e temporali intensi già in azione tra Monte Acuto, Goceano, zone interne Galluresi e Barbagia. Nell’area tra Tempio, Berchidda e Oschiri è attualmente attivo

News

Oggi clima primaverile: probabili punte di 23-24°C

L’afflusso d’aria caldo umida dal nord Africa si fa sentire. Oltre all’incremento dell’umidità nei bassi strati – coinciso con banchi di nubi basse e qualche foschia lungo la fascia orientale

Analisi Meteosat

Fronte freddo più vicino: si formano i primi temporali

Il fronte freddo, linea di separazione tra la stagnante massa d’aria caldo umida e la retrostante massa d’aria più fredda e secca, è ormai quasi a ridosso delle coste occidentali